sovrappensiero

Oggi guardavo le mie scarpe e pensavo: queste scarpe le ho prese qualche mese fa ad Utrecht. Poi le calze e pensavo: queste vengono dal Salento, invece. Poi i pantaloni, direttamente dal centro di Bologna. E poi la maglietta, comprata un giorno tristissimo a Colonia. Eppoi la felpa nuovissima, che arriva da l’Aja. Le mutande invece, ci ho pensato un qualche minuto, ma le mutande proprio non ricordo.

sviare dal discorso

Lei: (blab bla bla) …e poi alla fine sembra che mi incazzo “a stecca”!
Io: Per favore non usare questa espressione “ a stecca”, per favore.
Lei: Ma si usa dalle mie parti, queste sono le mie origini!
Io: Le tue origini sono l’Adige che si dice "Adese", le tue origini sono il Prosecco.
Lei: ma non posso mica dire “mi incazzo ad Adese”.
Io: Però potresti dire “mi incazzo a Prosecco”, che secondo me  suona bene.
Lei: be’ Sì, in effetti…

con notevole ritardo, nominees luglio e agosto

Belle come le mie, non ce l’ha nessuno. Le chiavi di ricerca, intendo. Ecco le nominations per luglio e agosto 2008.  Aperto il televoto.

come diventare muscolosi in breve tempo (*)
come uccidere un gallo che infastidisce (*)
è normale il dolore alle tette a 11 anni? (*)
immagine paperino in ginocchio sui ceci (*)
mio cugino non sta fermo quando le cambio il pannolino (*)
quando il sole tramonta che giro fa
(*)
sono nato con la bocca aperta poesia
(*)
ci sono tre galline che camminano in fila indiana (*)

cosa fare per avere una mestruazione in posticipo (*)

data, luogo e ora di quando morirò (*)

facendo l’amore potrebbe scendere la glicemia di quanto potrebbe scendere? (*)

lingua tedesca ma perche non popolo germanese? (*)

torno a casa, pensa te (*)


mi piace sto raffreddore

Mi piace sto raffreddore che devo tirare su con il naso, e questa sensazione di stordimento che ne deriva, ovatta incollata ai pensieri a rendermeli insignificanti e spugnosi, e questo dondolarmi nei corridoi con pile di fogli sotto al braccio, tirando su con il naso nella frazione di tempo che intercorre tra l’incrociarsi con una persona e quella seguente, per non farsi sentire da quella che c’è prima e neanche da quella che c’è dopo. Non mi piace non aver tempo per scrivere, non mi piace il concetto del tempo che fa pugni con il concetto di scrivere, chè per scrivere devi far passare il tempo senza fare niente, e non si può.  

Siamo andati a vedere la mostra di M.C. Escher, chè se non fosse stato per la Signorina, nella mia immensa ignoranza io non avrei mai collegato il suo nome alle sue opere. Andare alle mostre non lo so, non so cosa dire. Non so se mi piace. Andare alle mostre, la cosa che mi interessa di più sono le altre persone che vengono alle mostre mentre ci sono anche io. Osservare che faccia hanno, e capire se sembrano più intelligenti e acculturati e più o meno in salute di me. Della mostra di Escher, la cosa più interessante è stata una fotografia della moglie di Escher datata 1926. La moglie di Escher, devo dire che in primo piano non veniva tanto bene, in particolare nell’epoca intorno al 1926.   

Posseggo uno spazzolino da denti in tre città diverse del Paese Basso, notevolmente distanti fra di loro. Ci pensavo oggi mentre arricciavo i piedi scalzi sul tappeto.

Adesso invece sto leggendo questo. A proposito di biografie che mi rendono i libri interessanti, questo personaggio è diventato per due volte autore rivelazione del Paese Basso, ogni volta con un nome diverso.

Sto abusando di cornetti gelato in pacchi da otto, che in origine erano sei poi ne hanno aggiunti ulteriori due in regalo.