come minimo

No scusate ma quell’Alberto Stasi li’, con quella faccia che si ritrova, con quel pallore che si ritrova, mica puo’ bastare una perizia medica che lo scagiona, come minimo deve vincermi un paio di Oscar per convincermi che non deve andare in galera.

Annunci

un impensabile botta di culo potrebbe

Un impensabile botta di culo potrebbe risolvere il mio problema della camera. Un impensabile botta di culo che ancora non si è verificata ma potrebbe a quanto pare verificarsi a breve, è solo una possibilità, e per questo motivo avevo deciso di restare nei prossimi giorni con le mie finger crossed. Causa finger crossed questo post non avrei potuto scriverlo, dunque ho scrossato per un momento le mie dita e fare il punto della situazione.

Sono ovviamente le piccole cose – e cosa, sennò – che possono cambiare la luce su tutto. Per esempio l’eventualità che la botta di culo di cui sopra si realizzi. O una giornata di sole molto poco barbaro che ti hanno spinto a rollare sushi e alla fine ci sei riuscito molto bene. O un giro in bicicletta a cercare i cioccolatini della forma giusta, anche se poi non li trovi, e pazienza. La Meisje ha dolore all’anca e io cerco su youtube un tutorial di chiropratica ma lei prontamente dice No grazie non è necessario. Un tizio al bancone del bar che verso le undici di sera gli chiediamo “dovremmo comprare dei biglietti per le esibizioni che fanno in piazza di là” (e si intendeva questa cosa) lui che ci guarda, guarda soprattutto la Meisje e capisce tutto sbagliato, crede che vogliamo acquistare droghe strane e ci dice con sguardo accigliato di cercare fuori dal locale una tizia coi capelli strani che forse lei lo sa dove e come comprare. E poi vorrei crescermi la barba, ne ho poca ma vorrei crescerla lo stesso, solo che in Paese Basso i barbari pur chiamandosi barbari spesso non hanno barba, e se pure ce l’hanno, la tagliano sempre ogni giorno. Allora mi guardo in giro per cercare facce ispide che mi possano incoraggiare, ma ad oggi tranne un paio di papà coi bambini sulle spalle (non ero nemmeno certo fossero barbari) ho trovato solo un parrucchiere per donna vestito da gitano e gli orecchini a cerchietto, e allora se le cose stanno così, davvero non lo so.

faccio cose ventiduezeronove

Qui ho un tetto obliquo e due finestroni che si aprono sul tetto obliquo.  

Metto la testa fuori dalla finestra sul tetto obliquo – la chiameresti mansarda se non l’avessi vista, ma siccome la conosci non la chiami così che ti pare troppo nobile – metti la testa fuori dicevo e respiri l’aria della sera.

Avevi un appuntamento per vedere una nuova camera. Ti cambi la maglietta per fare bella figura e siccome sei vittima di un torcicollo maledetto ti prendi pure un antiinfiammatorio. Non vorresti arrivare lì all’appuntamento per la camera e farti vedere così tutto rattrappito – sono uno che va in palestra, io, altro che rattrappito. E poi pensi che vorresti non avere più questo tetto obliquo che ti stringe attorno l’esistenza. Arrivi all’indirizzo prestabilito e ti apre la porta un ragazzo sorridente – è quello con cui hai parlato al telefono, ti pareva una persona normale, infatti è una persona normale, ti fa entrare in cucina.

In cucina c’è una di quelle luci fioche che dal soffitto creano le ombre sulle facce delle persone, e poi ci sono tutti i concorrenti per la camera, quelli che dovrebbero lottare, sembrare simpatici e irresistibili per farsi scegliere per la cazzo di camera.  C’è una lesbica che assomiglia a Paolo Bonolis  ma coi capelli lunghi e ingelatinati, si è portata pure la fidanzata nel caso non fosse chiaro il concetto, come misura precauzionale, visto che dall’annuncio si capiva che era una casa di soli uomini.

Mi fanno vedere la camera, ed è col tetto obliquo, però ancora più obliquo del mio, che il soffitto scende subito ed io il mio metro e ottantaquattro non so dove metterlo, e l’unica finestra è ancora più piccola di quella che ho qui. Metto la testa fuori dalla finestra e respiro l’aria della sera. Sarebbe in teoria la stessa identica sera che avevo qui, solo che lì fuori c’è l’autostrada. E costa pure una cinquanta euro di più. Con l’autostrada. Dico No grazie e me ne vado, non mi va nemmeno di scambiare due parole. E poi c’è uno dei coinquilini che ha messo gli occhi su una delle candidate, è ovvio che è lei la favorita. Quando arrivo a casa ho ancora il torcicollo e parcheggio senza poter voltare il cranio, le ruote per questo mi finiscono sul marciapiede, che devo tornare dentro  sedermi girare la chiave e fare tutto daccapo.

breaking news

Il Cuggino Rasta ha tagliato i rasta.


Dopo oltre un decennio il Cuggino Rasta ha tagliato i rasta. Dopo oltre un decennio – da quando un giorno litigo’ col suo parrucchiere e decise che non avrebbe tagliato piu’ i capelli. Dopo un decennio di cui quasi la meta’ narrato sulle pagine di questo blogghe. Non ho parole. Questo mondo e questo blogghe ovviamente da oggi non saranno piu’ li stessi. E come potrebbero. E pure voi, che magari leggete ste pagine da qualche anno, credete che la cosa non vi tocchi…sentitevi piu’ vecchi. Se avete delle figlie femmine, forse, potreste sentirvi piu’ sicuri, ma non é detto. L’effetto Sansone é tutto da dimostrare.   

se

Se ti uccidono dei ragazzi in guerra, proprio quel momento in cui te li hanno uccisi é l’ultimo momento in cui ti puoi mettere a discutere ma che é sta guerra, ma andiamocene, ma no restiamo, ma no rivalutiamo, ma no vanno riscritte le regole ma no ma no facciamo una legge che, un decreto che. Proprio in quel momento devi importi di non fare e dire nulla – non per rispetto, eh, che in fondo sono pagati tanto proprio perché si portano il rischio di morire – ma perché se hai deciso che li mandi, li mandi e basta. Se poi muoiono non cambia nulla (che, non lo sapevi?). Se tu li mandi in guerra, poi siccome muoiono dici “meglio farli tornare” allora quel’é il criterio con cui li hai mandati? Vi mando ma mi raccomando non morite? Secondo me é giusto mandarvi ma se morite allora non é piu’ giusto? E se ti dicono che in guerra c’é il rischio di morire, cosa fai: ti tappi le orecchie e urli baa baa baaaa? É lo stesso discorso di una Luana qualsiasi che agonizza e che mi finisce sui giornali: é proprio quello il momento in cui non devi dire o fare nulla. Niente leggi, decreti, niente promesse che le cose cambieranno eccetera eccetera. Non avevi una legge per salvarla? Pazienza, dovevi pensarci prima. Per esempio adesso non ci sono Luane in agonia? Bene, é il momento per fare sta benedetta legge sulle Luane. Al prossimo terremoto, per fare un esempio, fai la legge per decidere che cosa fare di quei soldati che rischiano la vita.   

sono diplomanta in raccioneria ma nel futuro vorrei fare ben altro

La nuova missitalia calabrese non saprebbe parlare italiano “perchè lo ha ammesso lei stesso” e perchè, a proposito del suo metro e ottantadue di statura, ha detto che tutti al paese “la scherzavano”. Ora, a parte il fatto che il “prendere in giro” quando riferito a parametri fisici notevoli può benissimo diventare “mi scherzavano”, licenza in voga a partire dal celebre John Holmes degli Elio e le Storie Tese (“quando ero piccolo tutti mi scherzavano per le dimensioni del mio pene ed io non stavo bene soffrivo le pene per colpa del mio pene”) e a parte il fatto che invece missitalia sa parlare italiano, forse non ha idea di cosa dire, forse è un po’ rimbambita, però dai insomma, qualcosa esce dalla bocca. A parte tutto questo, immaginiamo cosa sarebbe successo se l’analfabeta fosse stata che ne so, una trentina; avrebbero detto eh, insistete sulla storia del dialetto nelle scuole, e poi guardate quali sono i risultati. Invece è una calabrese e si innesca un riflesso umanitario di pietà. Poverina, è calabrese, uno pensa, ovvio che non sappia parlare, e passa oltre. In ogni caso se questa ragazza – che in fondo parla italiano anche se con qualche errore – viene definita una che non sa parlare italiano, allora vorrei accompagnarvi io in certi scampoli di Sud dove davvero ci sono ampie praterie di analfabetismo, dove davvero ci sono monumentali ignoranze da ammirare in silenzio che fiottano fuori da bocche di maturandi e maturati (capito? gente che frequenta scuole secondarie! Non contadini del dopoguerra) dove addirittura ad imbeccare tutti i congiuntivi corretti in sequenza finisce che ti guardano male e non ti invitano più alle feste di compleanno. E poi ovviamente si fa passare senza remore lo stereotipo della bella rincoglionita, ché tanto siamo abituati – è ormai  una figura da presepe come il lupo mannaro, il parcheggiatore abusivo ed il secchione con gli occhiali – mentre vi porterei io a conoscere di persona monumentali ignoranze fattesi carne umana, in certe scuole decrepite stonacate che ho vissuto in prima persona, che oltre ad essere capre sono pure cozze. Dove alla declinazione selvaggia, all’encefalogramma piatto, si aggiunge pure l’ineluttabile dimensione di cozza. Che non ne vieni fuori, da questa dimensione, non arredi nemmeno il tunnel, al massimo ne prendi coscienza e perciò ti inacidisci. Se una è bella, nel nulla del nulla dell’esistenza, fa comunque uno a zero, non prendetevi in giro. Lì vi porterei io a vedere, ma dove vi porto invece, che tanto sono qui e non vado da nessuna parte.

fosse questo un sito per i consigli degli acquisti

              

ecco tre cose che sono stato contento di acquistare negli ultimi mesi. Il libro troppo facile, sono sempre contento in quel caso. Certo non avendoci una casa, sta cosa comincia a diventare un problema. Per il resto si tratta di cose piccole. Che dovrebbero essere grandi – normalmente sono più grandi – ma in questo caso sono più piccole. La bicicletta appallottolabile fa molto barbaro del luogo. Rischio frequentemente la vita provando ad impennare. Sulle biciclette io è come se avessi nove anni. Il computerino è stato soprannominato Terino, poi solo Rino.