cose 31dieci,dieci

Se è domenica e non piove, la zona centralissima di Amsterdam è un carnaio. Turisti soprattutto italiani si ammassano ovunque, e urlano – soprattutto in italiano.

 

C'è un carnaio di lingue e attrazioni semplici – sesso droga e tunz tunz – nella zona centralissima, che quando smettono di stupirti sono solo zucchero filato. E c'era pure lo zucchero filato. C'era questo cameriere che usciva da un ristorante messicano con il sombrero in testa per sistemare i tavoli all'esterno e notava che avevano rubato la salsina. E si arrabbiava bestemmiando in italiano con forte accento emiliano. Era pieno di individui RefleXergoSum, di cui uno in particolare che fotografava un cavallo di uno di quei carretti che fanno i giri ai turisti.

 

Lo fotografava da un metro, sul muso.

Annunci

certe storie

Certe storie sono talmente fantastiche che non serve farci battute sopra. Serve solo cancellare i nomi per evitare di essere assaliti dai pregiudizi. Se racconti quello che succede in termini crudi e puri, poi basta quello. 

 

Quindi.  

 

C’e’ un anziano calvo che invita a casa sua una cubista diciassettenne la quale ama farsi fotografare mezza nuda e mettere le foto su internet. Intervistato dai giornalisti, un altro anziano capelluto, molto amico del primo, dice che forse la conosce, questa diciassettenne. C’e’ da notare che l’anziano capelluto lavora come dipendente del primo, e sono molto amici. Per cui fanno cene tra anziani in cui pero’ puo’ capitare di incontrare anche qualche prostituta. O qualche diciassettenne. Insomma questo secondo anziano capelluto dice che la conosce. I giornalisti dicono: ma qui si parla anche di Bunga Bunga! Cosa vuol dire Bunga Bunga? E l’anziano capelluto, per difendere l’anziano calvo, dice: ma non pensate male! Si tratta di un bar a casa dell’anziano calvo che noi chiamiamo per scherzo “Bunga Bunga”. Un bar! Le informazioni in mano ai giornalisti pero’ smentiscono i fatti. Perche’ un altra diciassettenne di Napoli un anno prima aveva raccontato che Bunga Bunga stava a significare pratiche sodomitiche messe in atto da indigeni africani. Quindi l’anziano calvo, un anno prima, passava il tempo a raccontare barzellette sporche alle diciassettenni, utilizzando termini come Bunga Bunga, che a quanto pare gli erano stati insegnati da un famoso dittatore nordafricano. L’anziano calvo inoltre ha salvato la cubista diciassettenne dalla polizia spacciandola per figlia o nipote di un altro Primo Ministro africano. Ha mandato una sua amica a prelevarla dalla questura, una che faceva la show girl. L’anziano calvo si difende: non ho fatto niente di male, ho solo aiutato una persona che ne aveva bisogno.

 

due conti

Se è vero che il 55% dei maschi tradisce, e il 45% delle femmine tradisce, significa che 1) i maschi più delle femmine, ma anche che 2) ciascuna delle 45 femmine su 100 tradisce con 55/45 = 1,2 maschi. Il che, sommato a quell'1 che già c'hanno (altrimenti non tradirebbero) fa 2,2 maschi per femmina che tradisce. Anzi No, mi sono sbagliato nella statistica, ché ci sono le possibilità che tradiscano con i singoli. Vabé, è il bello della diretta.

benvenuti al sud

E’ un film che non volevo vedere per i miei pregiudizi. Perché mi dicevo: commerciale, sviolinata retorica, e poi quello che recita con Bisio è un comico. Poi l’ho visto e i pregiudizi non erano sbagliati, solo che il film è fatto bene.

C’era il me stesso che non lo voleva vedere e che diceva: No secondo me così e colà. Poi è uscito il me stesso che ha visto il film che ha risposto: embé, ti piaciuto? Sì. E allora?

E in effetti.

Quindi ricapitolando è un film da vedere tenendo presente che 1) a volte sembra uno spot, non solo come sceneggiatura ma pure come fotografia. Pare un spot delle poste o della Barilla. 2) Descrive un Sud che non esiste, o esiste solo in piccolissima parte. Nel film la Campania in pratica è il paradiso terrestre, mentre intanto a Terzigno si prendono a mazzate e fanno un casino della Maronna perché non vogliono far aprire una discarica e dicono “non ci fidiamo di questi politici”, e i politici li hanno eletti loro stessi, e poi se glielo chiedi non sanno nemmeno darti un’alternativa.

Detto questo, 1) ho riso in momenti inaspettati. Bisio è al telefono e qualcuno con marcato napoletano dice “aspetta” (ashpetta) e Bisio: la sciarpetta? 2) Bisio: come fa ad essere credibile? In televisione per anni e anni. Poi lo vedi al cinema, e ci credi. 3) la protagonista femminile che si chiama Valentina Lodovini e che tra l’altro è l’unica cosa bella di quell’obbrobrio del video  finto vintage de “Gli Spietati” dei Baustelle – che secondo me l’hanno fatto brutto apposta, ché uno poi se lo ricorda.

mi piace che

Mi piace che i colleghi vengano a bussare alla porta per andare in mensa assieme, solo che a me non piace andare in mensa assieme ai colleghi.

Mi piace mangiare da solo leggendo cose su internet anche se ciò non fa bene alla salute.

Quindi ricapitolando: mi piace il gesto, ma non la conseguenza. Vorrei che venissero a bussare e chiedere: vieni in mensa? Ed io che rispondo grazie! Gentile! E poi quello se ne va mentre io continuo a fare quello che facevo.

Dice, sei sociopatico. Certo, sociopatico, ma non completamente. Ché mi vengono in mente tante persone che se ci pranzassi assieme, parlerei tantissimo. C’è gente che sa. Chi mi conosce se passa da qui può testimoniare.

Solo che se parlo e mi lascio andare, esco fuori dal mood del lavoratore che cerca di acquisire autorità. Ritorno ad essere quello che sono.

E quello che sono non coincide con l’ambiente lavorativo. Allora se vengo a pranzo con te mi devo sforzare di non essere me stesso. Quindi lavoro anche mentre mangio. Quindi se resto davanti al computer a mangiare – cosa barbara lo so, ma si usa tantissimo qui – io alla fine resto più fedele a me stesso.

Per esempio, considera queste righe che ho appena scritto. Queste righe sono me stesso. Io la penso così, ma soprattutto, io penso in questo modo. Con questo stile.

Se durante il pranzo io ti racconto qualsiasi cosa con questo stile, esco fuori dal mood del lavoratore che aspira a guadagni decenti e le camice gliele stira qualcuno pagato apposta per quello. E

siste un attrito tra me e il resto. Se mai diminuirà non lo so. Per adesso mi distraggo spiando fuori dalla finestra e mi chiedo perché vi comprate berline bmw nere tutte uguali.

e quindi?

La Apple mette sul mercato un portatile uguale al portatile che aveva messo sul mercato giusto l’anno prima – però più piccolo – e questa è una notizia da prima pagina per un giorno intero.


Sul corriere.it addirittura nella categorie Scienze.

cose 19diecidieci

Ho molta stima della mia pianta di appartamento, un anno con me e non è morta.

La mamma di quella di Avetrana deve stare tranquilla, per ora non l’arrestano. Lei serve a coprire Novembre, ché poi dopo cominciano coi cinepanettoni.