quella striscia

Quella striscia di cacca nel cesso che resiste nel tempo. Guardo il mio coinquilino maschio coi peletti di barba bianchi sulle guance.

So che e’ stato lui.

Abbiamo il bagno dei maschi e il bagno delle femmine. Su tre maschi, ora uno e’ partito in Indonesia tre mesi. Dunque, se prima dietro quella striscia di cacca potevo costruire delle ipotesi, adesso ci sono solo certezze. E’ lui. Erano meglio le ipotesi delle certezze. Collegare la faccia alla cacca, non lo so.

Preferivo prima. Prima si era fermi al concetto vago di cacca, dove la relazione causa effetto restava indefinita. Fra causa e cacca.


poi uno dice gli alieni

Dice che sono soltanto dettagli, pero’ esite una fetta di esseri umani che comprano camicie con il collo alto e la decorazione all’interno, il collo che svetta fuori dalla giacca coi fiorellini nella porzione interna.

Esistono.

Eppero’ non c’é nessuno tra le mie conoscenze italiche ed estere che lo faccia. Cioe’, queste persone esistono per davvero, ci sono le prove, eppure non ho nessun contatto con loro. Non ho il numero di telefono ne’ l’indirizzo email di nessuno di questi. Eppure esistono. Sono tra noi. Poi uno dice gli alieni. Poi uno dice che sono solo dettagli, poi uno dice il colore della pelle, la religione, la politica, e si dimentica delle camicie.

senza titolo #22042010

Stavo pensando, il calcio non e’ come – per esempio – la corsa. Nella corsa, vince chi corre piu’ veloce. Il piu’ bravo e allenato vince. A meno che il piu’ bravo non venga inghiottito improvvisamente dal terreno, o rapito dagli alieni due metri prima del traguardo, vince. Infatti poi cosa succede: se uno e’ il piu’ veloce, poi vince e rivince. Vince sempre. Pure nel nuoto. Nella pallavolo fai tantissimi punti, quindi se pure due o tre li fai per un colpo di fortuna, alla fine non e’ importante. Nel calcio invece puoi prendere il palo. Sei il piu’ bravo, tutti lo sanno, ma prendi il palo. Oppure sei il meno bravo, ma la palla urta inavvertitamente sulla caviglia dell’avversario, prende una traiettoria inaspettata, il difensore inciampa su una zolla di terra, ed e’ gol. E tu che sei a guardare la partita non ci credevi che poteva essere gol, ci speravi pochissimo perche’ lo sapevi di tifare per i meno bravi. E invece e’ gol lo stesso. Ed e’ bellissimo.

Mentre andavo al lavoro per strada abbandonato vicino al bidone della spazzatura c’era un enorme Winnie the Pooh. Seduto. Enorme. E una settimana fa sotto casa c’era un cammello. 

volevasi segnalare: pisciatone fuori dal vaso

Alessandro Gilioli é uno che scrive sull’Espresso. Il suo blogghe é il numero uno, due o tre dei blogghe italiani, a seconda dei tempi. Volevo segnalare la pisciatina fuori dal vaso di qualche giorno fa sulla morte di Vianello. Secondo il signor Gilioli per Vianello non dovrebbero essere costruiti monumenti non perche’ in fondo era solo un comico-presentatore, ma perche’ tanti anni prima aveva dichiarato che avrebbe votato abberlusconi. Gilioli c’aveva proprio questa necessita’impellente, proprio in quel momento, lo stesso giorno della morte di Vianello, di mettere in chiaro la cosa. Ottantasette anni lui li ha agevolmente condensati in una frase di un minuto.

Quello che volevo dire, é che secondo me uno come Gilioli anche se scrive sull’Espresso verra’ pagato direttamente da abberlusconi. Insomma, sto signore, con queste pisciatone fuori dal vaso memorabili, rende un servizio tale a abberlusconi, un servizio enorme, che non credo si possa pensare lo faccia aggratis. Il servizio é enorme, molto piu’ di quello di Fede. Perche’ Fede in fondo predica ai convertiti, no? Mantiene i convertiti sulle loro posizioni. Mentre uno come Gilioli – e come lui ce ne sono tantissimi – si maschera da nemico acerrimo di abberlusconi, ma poi di fatto compiendo delle pisciatone enormi fuori dal vaso, riesce ad irritare i non convertiti. É marketing politico puro a favore di abberlusconi, ed io non riesco a credere davvero che lo faccia aggratis

scoppia un brufolo alla madre terra

Quando ieri andavo in aereoporto per volare in Danimarca, la Meisje avrebbe dovuto telefonare per chiedermi: Sei sicuro che vieni? Ed io avrei dovuto rispondere: ma certo che sono sicuro, a meno che non vengano giu’ due metri di neve, vengo. In ogni caso siamo in primavera, e quindi. A meno che non ci sia un terremoto, ma pure ci fosse un terremoto, noi si vola, e quindi. Avrei dovuto rispondere: a meno che un vulcano non decida di eruttare e spargere sporcizia nel cielo proprio una mezzora prima del decollo, e precisamente in quella zona di Europa interessata dal mio volo, vengo. Ma comunque figuriamoci – avrei detto – é una cosa che non é mai successa nella storia, pensa te se proprio questo pomeriggio.

La gente abbaia come i cani dietro al cancello

Allora, se in Cile il cardinale Bertone dice che non esistono relazioni fra celibato e pedofilia, ma che invece ci sono studiosi che affermano che esiste “una relazione fra omosessualita’ e pedofilia” cosa succede? Succede che si incazzano tutti.

Io santa miseria ci sono cose che mi provocano certi fastidi tremendi, certi pruriti cerebrali che non riesco a sostenere. Io mi chiedo se davvero si puo’ andare avanti cosi’, ignorando i fatti. C’e’ gente in giro che ragiona ancora come quelli del sole attorno alla terra. La gente se ne fotte, la gente ha gia’ le risposte.

In questo caso tutte ste reazioni di capoccioni che dicono che il Bertone dice il falso, che il Bertone dice che gli omosessuali sono tutti pedofili – anche se poi non l’ha detto (caso esemplare di straw man fallacy, per capirci), io tutti sti capoccioni mi chiedo come fanno ad essere cosi’ bravi, che io cosi’ bravo non lo sono.

Io ascolto il Bertone dire ste cose, e allora mi metto a fare una ricerca sulle pubblicazioni scientifiche sull’argomento. Se sei iscritto o lavori per una facolta’ medico-scientifica ti puoi leggere gli articoli interi, ma anche senza, qualcosa esce fuori. E insomma, in venti minuti di ricerca all’universita’ esce fuori che Bertone ha ragione. Esistono studi che hanno provato questo. Fra i pedofili esiste una percentuale piu’ alta di omosessuali che nell’intera popolazione. In termini tecnici si dice che A e B sono correlati positivamente. O qualcosa del genere. Per dire, e’ anche scientificamente provato che nascere maschi e fratelli minori aumenta la probabilita’ di essere omosessuali. Ma io non urlo in giro che hanno detto che mio fratello e’ ricchione. Si tratta di statistiche sottoposte alla valutazione della comunita’ scientifica internazionale. Significa che i capoccioni in giro per il mondo leggono, e se ci sono errori, lo fanno sapere. Ma ne esistono tante, di correlazioni provate. Poi uno si puo’ mettere a contestare il metodo, ma io che ste cose le ho pure parzialmente studiate (i metodi, voglio dire, gli studi di popolazione, le tecniche di rilevazione etc etc etc) io mi sento di alzare le mani e lasciare fare agli altri. Fate vobis, ecco. Cazzi vobis. Pero’ la gente se ne fotte. La gente ha gia’ la risposta. La gente abbaia come i cani dietro al cancello prima ancora di sapere chi c’e’ dall’altra parte.

"secondo Bertone pedofilia = omosessualita’" *
"Le parole di Tarcisio Bertone rappresentano l’ennesima espressione di uno sforzo metodico del Vaticano, quello teso all’equiparazione di omosessualità e pedofilia" *
"La chiesa anche qui emette schiocchi giudizi personali che dovrebbero esserele impoediti dall’autorità di cui è investita" *
"…inventa di sana pianta l’equazione pedofilia=omosessualità" *
"In quanto a Bertone, il quale evidenzia una chiara ostilità verso la comunità gay, smaccatamente fa piena mostra della propria omofobia che con questi ultimi accostamenti alla pedofilia sfociano nel disprezzo che nutre verso gli omosessuali" *
"..se un qualunque psichiatra o psicologo dicesse una stronzata simile in televisione lo caccerebbero all’istante, dovrebbe trovarsi un lavoro come cartomante…"*