ogni scarrafone

Scrivere, la scrittura – e di conseguenza la lettura – sono fra le cose che mi interessano di piú. Ne avevo parlato anche ai tempi dell’anatema moccioso, no? Ecco, magari a leggere tutti questi accenti sbagliati si potrebbe benissimo dire il contrario. La colpa in realtá è delle tastiere straniere che non contemplano gli accenti e che facilitano questi errori. E comunque l’ordine esatto sarebbe l’inverso. Dovrei dire: leggere, la lettura – e di conseguenza la scrittura – sono fra le cose che mi interessano di piú. Il blogghe in un certo senso è un esercizio di stile continuo che serve a lubrificare il flusso, a mantenerlo liscio e sbrilluccicoso come piace a me. Ma questa è un’altra storia.   

Dicevo, scrivere.  

Quante righe servono per giudicare male uno scritto? Credevo fosse un’operazione complicata dove ti devi armare del miglior oggettività possibile. E invece No. Per giudicare uno scritto bastavano davvero poche righe. Io non ci credevo, e invece.     

In questi giorni la Repubblica ha lanciato un’offerta chiamata ilMioLibro.it, dove chiunque può farsi stampare la sua operetta (dal libro di cucina al romanzo nel cassetto, annunciano). I romanzi nel cassetto fanno la parte del leone, a quanto pare. Io consiglio vivamente di farci un giro, si possono scaricare le anteprime dei libri in pdf e leggere le prime pagine. Facciamo a meno dei giudizi. Facciamo che copio e incollo qualche titolo e poi le anteprime – se proprio vi interessa l’argomento- ve le leggete voi. Io per una volta mi sento come Nanni Moretti e mi viene da urlare che le parole sono importanti, che le parole sono importanti, che insomma, per diamine, le parole sono importanti.

Per esempio. Per esempio. O per esempio.

9 pensieri su “ogni scarrafone

  1. no no, ho capito rafe’, io la trovo una bella iniziativa, poi non ci metterei mai nulla di mio, ma questo è un altro fatto. sai cosa ho pensato? che c’è bisogno di una bella presunzione per dare valore ad uno scritto. un tuo scritto in particolar modo. io non farei pagare nemmeno 5 centesimi per far leggere le mie cose. difatti scrivo in un blog (un miliardo di fregnacce, ma questo è un altro discorso). ecco, tante volte vorrei essere presuntuosa. poi, siccome non ne ho letto nemmeno mezzo, posso avere il dubbio che tra quelle persone ci sia anche qualcuno che vale. perché bisogna sempre pensare che in mezzo ad un monticello di cacca non ci possa essere anche un soldino? non so se mi spiego.

  2. Vero, c’è già Lulu. Ma questa iniziativa è partita accompagnata da una (assordante?) fanfara che Lulu non ha mai avuto.
    L’unica cosa che mi fa (un poco) felice è che finalmente qualcuno può capire le mie “sofferenze” quotidiane… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...