e la maggioranza ha sempre ragione

Se Berlusconi se ne esce con la sua solita caz*ata (per esempio quella di oggi: signorina, non sa come fare a farsi una famiglia senza un lavoro stabile? Sposi un milionario come mio figlio!) oppure con cento o mille altre, c’è tutto un popolo di persone razionali che spara addosso alla frase. C’è tutto un mondo che si indigna, che si dice Ma Com’è Possibile, Ma Come si Fa a votare uno così.

La verità è che Si Fa, Si Fa Eccome, perchè qui il mondo degli indignati (di cui una buona parte sopravvive proprio su internet) non si rende conto di quanto uno come Berlusconi in politica non abbia nessuna colpa (o Gabriella Carlucci in politica, o il generale Roberto Speciale in politica …) in quanto se pure uno spara una frase del cazzo come questa, o candida un fascista pluricondannato dal passato torbido, la stragrande maggioranza della gente queste cose non le sa nemmeno, perchè la stragrande maggioranza della gente non ha voglia di informarsi, la stragrande maggioranza (e lo dico proprio guardandomi attorno, chiedendo alle persone che conosco) non sanno dirti nemmeno i nomi di due ministri in fila, la stragrande maggioranza non ha idea di nulla, non sa niente di niente. La maggioranza se ne fotte altamente, e gli va bene così, e ci sono personaggi di Lost che sono di gran lunga più popolari di un sottosegretario, e puntate dei telefilm che attirano molta più attenzione di una qualsiasi evento reale, di quelli che accadono nel mondo che esiste. Ignoranza che poi significa non avere nulla da dire, un senso critico all’inchiostro simpatico e l’incapacità di instillare nemmeno la più infinitesimale scintilla di curiosità nelle persone che ti circondano. Uno sconforto totale. E una frase come quella di oggi – e tutte quelle che verrano da lui e da tutti gli altri – non sposta nemmeno un voto che sia uno.

17 pensieri su “e la maggioranza ha sempre ragione

  1. Totalmente d’accordo. Le persone che si indignano di fronte a questi fatti sono quelle che non avrebbero comunque votato per Berlusconi.
    E questo lui lo sa benissimo.

  2. Io faccio parte di quelli che non si informano quasi più perchè più mi informo e più divento triste. Io so solo che qui abbiamo il peggio e il meno peggio e la scelta è obbligata, ma se devo stare in un Paese di merda preferisco far finta di non sapere, perchè altrimenti mi sarei fatto scoppiare in parlamento.

    squagghia

  3. c’hai raggione rafè, nulla da eccepire.

    (-> F. torna alla tv, preme play e continua a guardare rassegnata V for Vengeance, desiderando che fosse applicabile alla realtà.)

  4. ma c’è un “dove” spostarli, questi voti? perchè a parte le indiscutibili caz*ate di berlusca, non mi pare che gli altri facciano tanto meglio. al limite tengono la bocca chiusa.
    sandra

  5. Berlusconi dirà pure le cazzate, ma dall’altra parte non fanno certo meglio.
    La verità è che non c’è nessuno che voglia davvero il nostro bene.

    Neanche io andrò a votare, e ti dirò di più: se non fosse che mi costa 160 soldi scendere a casa, andrei al seggio solo per farmi annullare la scheda, per ammettere pubblicamente che non voglio votare per nessuno.

    Per come stanno le cose, votare equivale a scegliere il proprio aguzzino, e francamente, non mi interessa.

  6. dire che il 100% dei papabili sono dei cazzari è superficialità. Non c’è mai un 100% di merda. C’è sempre qualcosa, a scavare fra le beghe, a stare attenti ai dettagli.

    E poi i governanti sono sempre un po’ sporchi, e lo dice la storia.

  7. Se rispondi a me, io non ho detto che sono cazzari.

    E’ solo che sia a destra che a sinistra pensano solo ad aumentarsi gli stipendi e a farsi le leggi per i comodi loro (vedi alcuni reati che vanno prima in prescrizione – da una parte, e liberalizzazioni delle licenze per favorire le cooperative, dall’altra).

    I governanti forse devono essere un po’ sporchi, ma i nostri lo sono completamente.

    Aggiungo un’ultima cosa: io posso anche dire che un uomo che al momento mi sembra più in linea con le mie necessità, aspettative (chiamale come vuoi) è Di Pietro, ma se anche lui per un qualche motivo diventasse presidente del consiglio, cosa credi possa fare da solo?

    L’Italia è ancora una repubblica democratica e la democrazia esiste proprio per evitare che decida uno solo.

    Se governa la maggioranza, e le percentuali risicate non contano niente.

  8. smartleaving:
    (posso dire valeria?)

    d’accordo con te, nello sconforto e nel dubbio che uno da solo ce la possa fare. E anche col fatto che il Tonino sia persona di rispetto: ha lavorato benissimo, quando dicono Che Governo Di Merda bisognerebbe pensare alle cose che ha fatto lui. Se per esempio un partitino come il suo arrivasse al dieci per cento, sarebbe un segnale per tutti gli altri. Oggi Berlusconi non solo racconta barzellette, ma candida addirittura Ciarrapico. Se il voto si spostasse su chi queste cose non le fa, sarebbe un segnale per gli altri. Alla fine sono tutti pecoroni, e noi dovremmo usare il nostro piccolo strumentino svalutato (il voto) per dire come la pensiamo. Altrimenti non c’è più nulla da fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...