luttazzi e il buco del culo

Nel suo intervento a RaiPerUnaNotte, Luttazzi con la sua metafora del buco del culo ha chiarito una serie di cose:

– Che in fondo é giusto che non abbia un programma in Rai.

– Che se gia’ ti hanno mandato giustamente via dalla Rai perche’ parlavi di merda in bocca in modo gratuito (cioe’ citando la merda in bocca a casaccio, senza nessun legame con quello che stavi dicendo) e ora torni in una pseudo manifestazione Rai con la metafora del buco del culo, hai dei grossi problemi di creativita’.

– Che le metafore in primo luogo devono reggere, devono far arrivare un concetto, e se uno un minimo conosce l’Italia di oggi (un minimo) sa che la metafora del buco del culo non regge sotto nessun punto di vista.

– In altre parole, la metafora del buco del culo vorrebbe significare che l’elettorato vota in un certo modo perche’ é masochista. Questo é oggettivamente falso da qualsiasi punto di vista. Dunque ne consegue che la sua voglia di recitare la metafora del buco del culo era piu’ forte della verita’, o piu’ forte della rilevanza della metafora stessa. Ma questa non é una novita’.  

– Che la gente applaude comunque.

– Che la gente ride a prescindere. Luttazzi dice "quando fai sesso anale con la tua ragazza" la gente ride. Non e’ una battuta. Quella arriva dopo. La gente ride gia’ sul preambolo. Come i bambini che disegnano cazzi sui banchi di scuola.

– Che se pure la metafora del buco del culo fosse stata una cosa da sbellicarsi dalle risate, se pure fosse stata la trovata comica piu’ geniale degli ultimi 150 anni (cit.), anche in quel caso la conclusione sarebbe uguale: e cioe’, di persone come Luttazzi, nella comunicazione di oggi, nel disastro di oggi, non ce n’é bisogno. Servono a far applaudire chi é gia’ convinto delle sue idee, e a fornire motivazioni ulteriori a quelli che sono dall’altra parte. Non fa riflettere (non é che debba per forza, eh), ma parla di odio come se é di questo che la gente avesse bisogno. Polarizza e distanzia le posizioni, che é esattamente l’opposto di quello che serve.

– Che a proposito di satira, fa rimpiangere ogni giorno che passa quel gigante di Corrado Guzzanti. A confronto col tizio della merda e del culo, un gigante. Centinaia di metri piu’ in su, che se rivolgesse lo sguardo in basso non lo vedrebbe nemmeno. Vedrebbe forse un puntino che che pigola con voce nasale “merda merda culo mestruazioni!”. Una persona con delle intuizioni incredibili che non ha mai, mai, campato di rendita. Un gigante.

Annunci

24 thoughts on “luttazzi e il buco del culo

  1. Seconde te, quindi, in questa rai, che io, pagando il canone contribuisco a mantenere, è meglio mangiare la merda che parlarne ??? Non discuto le tue scelte ma, visto che a te piace tanto, ti spiacerebbe mangiare anche la mia parte??? .. Sai, a me, al contrario di te, fa un po' schifo, …. anzi,… parecchio schifo

  2. – Certo, è giusto che non abbia un canale RAI, ma ti sei dimenticato di aggiungere: "finchè dice cose scomode" e "finchè il Nano continuerà, LUI, ad INCULARE l'Italia". Un ladro non vuole che si parli della sua prossima rapina, ricordatelo;- ognuno ha la creatività che vuole. Se non ti va bene, puoi sempre non guardarlo, Luttazzi: te l'ha ordinato il dottore? Ma saranno cazzi di chi lo guarda e lo apprezza, no?E cmq Luttazzi non parlava di merda in bocca a caso: ma sono convinto che già ci sei arrivato da solo, e che sotto sotto (ma molto sotto) hai capito cosa intendeva dire: ah, birboncello, questo sottile umorismo da finto idiota…;- regge eccome, solo che bisogna vedere se si è capita… e soprattutto se si è all'opposizione o al governo. Ah, dimenticavo: ottima controargomentazione ("la metafora del buco del culo non regge": cazzo, che bravo, quasi mi stavi convincendo!);- l'elettorato E' masochista. Soprattutto quello italiano. Anzi, forse è pure un pochetto STRONZO ed EGOISTA. Altrimenti perchè votare uno come Craxi? Altrimenti, perchè votare uno come Bossi? Altrimenti, infine, perchè votare uno come il nano? Piduista (tessera 1816), con 15 processi a carico, mutilatore dell'informazione, conflittista di interessi, evasore fiscale, corruttore di testimoni, falso, ipocrita, bugiardo, ignorantello, non mantenitore delle promesse etc etc etc? O si è IMBECILLI o si è MASOCHISTI. Luttazzi ha ragione;- No, la gente non applaude comunque: qnd ha parlato Morgan lo hanno pesantemente fischiato e sbeffeggiato. Stai dando dell'imbecille a migliaia di persone: la gente ride perchè ride, non perchè ha un elettrodo nel cervello;- Ti è mai venuto in mente che esistano anche le cosiddette "battute situazionali"? Se io faccio una battuta sul "pestare una merda", già all'ascoltatore scappa un sorriso: non è stato detto nulla di che, ma l'immaginarsi la situazione fa sorridere sotto i baffi. E no, non dirmi che sono battute di pessimo gusto: sono PRECEDENTI alle battute vere e proprie, ne preparano il terreno. Il gusto non c''entra, coso. Il bambino che disegna cazzi sui banchi RIDE. Ride. E tanto basta;- Quando ha detto che era la "battuta più comica degli ultimi 150 anni", voleva prendere per il culo in nano, che si era autoproclamato il "miglior presidente del consiglio degli ultimi 150 anni". Ironia, ci arrivi?Non ce n'è bisogno? Chi sei tu per dirlo? Quanta presunzione… ma glissiamo.Certo che forniscono ulteriori motivazioni: motivazioni a chi è contro la libertà di espressione! E ti pare poco? Un giudice che accusa un corrotto non fa forse la stessa cosa? Non cerca forse di "fornire ulteriori motivazioni" all'accusa? Ma è un giudice che lotta CONTRO LA CORRUZIONE, cazzo, non PER!!!"Parla di odio"? Luttazzi?? Ma hai idea di quel che stai dicendo? Luttazzi è satirico: leggiti la definizione di "satira" da un buon vocabolario! E poi non mi pare che il nano sia esattamente la definizione di amore, checchè con le sue stronzate ne dica! Se Riina dicesse di essere contro la mafia, tu gli crederesti?Specialmente quando il nano blatera di "coglioni", di "mandare la polizia nelle scuole", di "magistrati metastasi della democrazia", di "magistrati malati, antropologicamente diversi rispetto alla razza umana" e robaccia affine.Penso tu non abbia le idee molto chiare, sul concetto di "odio", sai?- Guzzanti è antiberlusconiano quasi quanto Luttazzi. Se ti riferisci allo stile di comicità puoi anche aver ragione, ma allora mi spieghi il perchè di tutto quel casino quando è entrato Luttazzi in scena, ieri? Evidentemente quel che scrive e dice piace, e tu, fino a prova contraria, non sei certo nessuno per criticare la comicità altrui. Se uno "campa di rendita", evidentemente c'è chi i soldi glieli da.Basta che non sia a capo di un partito, come qualcuno che conosciamo.O no?

  3. Luttazzi è un ottimo esempio di una persona che non ah un cazzo da dire, ma vuole parlare lo stesso… un "bullo delle parole" che stupra le orecchie di chi lo ascolta.Io sono uno degli "antipolitica" ed ho sperato con tutto me stesso che Luttazzi andasse a fare uno dei suoi giochi anali invece di rovinare e togliere credibilità ad una manifestazione che sarebbe potute essere utile.Con lui sul palco ha perso di credibilità… come quando inviti sgarbi a parlare di qualcosa che non sia arte.

  4. per una volta non sono per nulla d'accordo con te. se tu avessi visto a teatro tutti gli spettacoli di Luttazzi degli ultimi 10 anni, o anche solo Decameron, l'ultimo, sapresti che Luttazzi non parla mai a caso, che ha mille cose da dire e tutte intelligenti e documentate! è uno che si fa il mazzo studiandosi i giornali di tutte le fazioni, i documenti pubblici, gli atti dei processi, i testi delle leggi per fare uno spettacolo. vai a guardarti Decameron, lo trovi in dvd a 9 euro, sono soldi ben spesi, fidati.Chiara

  5. Ma sai che son d'accordo con te? Quel programma che chiusero perfino su La7 1) non faceva ridere, 2) era inutilmente gratuitamente sboccato che di per sé non mi fa ovviamente specie, e però sembrava la classica coprolalia di chi non ha altri mezzi e argomenti per fare il clown. Comunque onore a Santoro e tutti gli altri, altroché! Qui siamo a Radio Londra, ormai, te ne sarai accorto.

  6. Totalmente in disaccordo.[Che in fondo é giusto che non abbia un programma in Rai]Chi lo decide? Tu? Io? Berlusconi? La risposta giusta è un'altra: il mercato. E segnalo che quando Luttazzi faceva Satyricon rggiungeva il 20% di share in seconda serata su rai due, cose che ora quasi mai nè can5 nè rai 1 riescono a fare in seconda serata. (e cmq la risposta reale è Berlusconi). Nb: il mercato non è un'idea platonica, ma la cosa più ovvia in un contesto di domanda e offerta, e niente come la televisione italiana avrebbe più bisogno di mercato e di pluralità.[Che se gia’ ti hanno mandato giustamente via dalla Rai perche’ parlavi di merda in bocca in modo gratuito (cioe’ citando la merda in bocca a casaccio, senza nessun legame con quello che stavi dicendo) e ora torni in una pseudo manifestazione Rai con la metafora del buco del culo, hai dei grossi problemi di creativita’]A me piace l'irriverenza, e dunque anche le "schifezze". I comici ne fanno grande uso. Vedi la littizzetto, ad esempio. E cmq è qualcosa che riguarda i gusti personali. Luttazzi non ti piace? Cambia canale. Io cambio canale e luttazzi non lo vedo.Che poi qui di provocatorio e irriverente c'è solo la pretesa (mi scuserai, piuttosto ridicola) di far passare la cacciata berlusconiana from Bulgary (altro che merda in bocca…)  come qualcosa che riguardi, invece, qualcos'altro.[ Che le metafore in primo luogo devono reggere, devono far arrivare un concetto, e se uno un minimo conosce l’Italia di oggi (un minimo) sa che la metafora del buco del culo non regge sotto nessun punto di vista ]Opinione che non condivido nel merito. Bello avere idee diverse. Il relativismo è una delle conquiste della contemporaneità. Il tuo "non regge sotto nessun punto di vista" mi ricorda molto le "questioni non negoziabili" di ratzinger e compagnia cantante.[ In altre parole, la metafora del buco del culo vorrebbe significare che l’elettorato vota in un certo modo perche’ é masochista. Questo é oggettivamente falso da qualsiasi punto di vista. Dunque ne consegue che la sua voglia di recitare la metafora del buco del culo era piu’ forte della verita’, o piu’ forte della rilevanza della metafora stessa. Ma questa non é una novita’ ]Sì, vabbè.[ Che la gente applaude comunque ]Problemi?[ Che la gente ride a prescindere. Luttazzi dice "quando fai sesso anale con la tua ragazza" la gente ride. Non e' una battuta. Quella arriva dopo. La gente ride gia' sul preambolo. Come i bambini che disegnano cazzi sui banchi di scuola ]Non come i bambini che disegnano… quanto piuttosto come quando guardi un film molto divertente ed esilarante, dove quello che ti fa ridere non sono solo gli sketch in sé ma anche l'atmosfera, la parlata dei personaggi, i gesti. O come con un amico che ci fa ridere, di quelli che ti raccontano una barzelletta che fa già ridere nel mentre.[ Che se pure la metafora del buco del culo fosse stata una cosa da sbellicarsi dalle risate, se pure fosse stata la trovata comica piu’ geniale degli ultimi 150 anni (cit.), anche in quel caso la conclusione sarebbe uguale: e cioe’, di persone come Luttazzi, nella comunicazione di oggi, nel disastro di oggi, non ce n’é bisogno. Servono a far applaudire chi é gia’ convinto delle sue idee, e a fornire motivazioni ulteriori a quelli che sono dall’altra parte. Non fa riflettere (non é che debba per forza, eh), ma parla di odio come se é di questo che la gente avesse bisogno. Polarizza e distanzia le posizioni, che é esattamente l’opposto di quello che serve ]Contro l'armata Berlusconi, Luttazzi è solo un soldato ben equipaggiato. La polarizzazione delle posizioni in questo paese è un fatto che precede Luttazzi. E poi non è vero che non fa riflettere, al contrario. E' sempre molto documentato, interessato, specifico, puntuale nelle cose che dice. Tu, raf, dici che lui "Polarizza e distanzia le posizioni, che é esattamente l’opposto di quello che serve". Ad occhio, desumo che "quello che serve" è qualcosa di molto simile a veltroni?[ Che a proposito di satira, fa rimpiangere ogni giorno che passa quel gigante di Corrado Guzzanti. A confronto col tizio della merda e del culo, un gigante. Centinaia di metri piu’ in su, che se rivolgesse lo sguardo in basso non lo vedrebbe nemmeno. Vedrebbe forse un puntino che che pigola con voce nasale “merda merda culo mestruazioni!”. Una persona con delle intuizioni incredibili che non ha mai, mai, campato di rendita. Un gigante ]Concordo sul fatto che Guzzanti sia un gigante. Forse il migliore, non so, certamente tra i migliori. Amen.martin

  7. Vero che uno come Luttazzi un programma in Rai è giusto non ce l'abbia. Magari sarebbe stato carino che ad uno che ce l'ha non glielo si toglie in quel modo e soprattuto ricordare che a Luttazzi quando gli hanno tolto il programma non hanno pensato minimamente alla merda e ai culi. E questo ormai lo dovremmo aver capito bene.D'accordo quasi con tutto quello che dici, tranne sul fatto che non faccia ridere e che non abbia uno spessore satirico.Forse hai conoscenze tali da poter giudicare anche i satiri?

  8. Ma fatemi capire. E' la volgarità della metafora che stiamo criticando? E' la comicità indubbiamente linguisticamente pesante di luttazzi che andiamo a censurare? No, perchè se così è, davvero resto basita. Personalmente luttazzi non mi è mai piaciuto, ma proprio per niente, ma non è questo l'oggetto della discussione mi pare. Può piacere o non piacere, ma perchè mai dovrebbe non esserci? Perchè mai io devo subire la vera oscenità del tg1, dell'isola dei famosi e della rai pomeridiana, pagando anche il canone? Oscene e diseducative son le urla della ventura per me.

  9. Assolutamente d'accordo anche con Matrilineare: non mi sognerei mai e poi mai di censurare alcunché, tantomeno Luttazzi. Il problema è che noi possiamo ignorare l'esistenza di questa pornogafia che va in onda a tutte le ore, dalla De Filippi ai grandi fratelli o vattelappesca -e normalmente lo facciamo. Ma ci son milioni di persone che vivono con la tv accesa, che pendono dalla bocca di questi disgraziati. Dunque, pensandoci bene, sì: un bel taglio esemplare, pedagogico, stalinista a tutta la spazzatura commerciale, se potessi, lo darei a dispetto delle mie idee liberali.

  10. Chiara: l'intervento dell'altra sera era adattato dal Decameron, appunto.Martin:polarizzare, in questo momento, è l'ultima cosa che serve. Dipende se ti interessa partecipare al miglioramento o solo esserci. Matrilineare:se lui è osceno, e il tg1 è osceno, non vedo perché dovremmo avere entrambi. Io sono per non avere nessuno dei due. 

  11. Luttazzi è quello che in televisione si è mangiato una merda  e ha fatto tolgliere le mutande ad una facendo credere di aver fatto in entrambe i casi cose molto cotaggiose e trasgressive. ma la merda era di cioccolata e le mutande erano di anna falchi. e a fare questo siamo capaci tutti.

  12. polarizzare significa dire qualcosa senza giustificarlo, nel senso che se io ti do le ragioni delle mie opinioni si può anche discuterne.ed i perché, le argomentazioni, a sostegno delle tue affermazioni latitano:- se uno un minimo conosce l’Italia di oggi (un minimo) sa che la metafora del buco del culo non regge sotto nessun punto di vista. PERCHE'…- Questo é oggettivamente falso da qualsiasi punto di vista… PERCHE'..Poi vi sono due argomentazioni che vertono però su punti molto opinabili.Poi vi è una chiusura su Guzzanti anche questa totalm non spiegata, ovvero:C.G. era veram bravo a far satira PERCHE'..ERGO Rafeli questa volta hai polarizzato, cosa che il più delle volte sai non fare. suvvia, qualche volta capita

  13. non posso rispondere a tutto, ma se conosci qualcuno che in italia vota abberlusconi per masochismo (cioè consapevolmente ne soffre ma lo fa proprio perché ne vuole soffrire) allora i miei due punti che hai copiaincollato non valgono e hai ragione tu. se uno conosce un minimo l'italia di oggi sa che questo non succede, non è questo il motivo. perchè? perchè gli elettori votano per tanti altri motivi che non sono quello, dunque la metafora masochista è gratuita e campata in aria. (p.s. polarizzare significa altro).

  14. ho riso molto per il suo intervento.non ho riso a prescindere (ho riso perché accostare Berlusconi al sesso anale era spiazzante – la trivialità in satira parte da aristofane, niente di così nuovo o sconvolgente)ho riso con quel senso di disgusto che tutti gli interventi di Luttazzi mirano ad ottenere (e lo sappiamo, perché stupircene) ho riso e pensato che l'immagine della donna che dipinge è sessista e un po' da caserma.ho riso e ho ascoltato le cose che ha detto, mentre ora che si discute di COME lo ha detto capisco che abbiamo perso il nodo centrale.ho riso e ho pensato che ognuno la satira la fa come gli pare.sui social network mi ci sono svenata e presa i peggio insulti. ma ho trovato questo pensiero, non mio, molto condivisibile, che ti riporto.

    "Io – e credo molti altri – ritengo che (la sua volgarità n.d.r.) sia perfettamente strumentale alla resa immediata delle battute. Farei notare che anche se parte (e quando) da spunti triviali, non si limita all'oggetto. Non è BBBBbucio de culo. Poi, se non siete d'accordo, pazienza."

  15. non sono una filologa, ma quando lo studiavo a scuola non lo ricordavamo certo per le sue profonde riflessioni argute, ma per lo sberleffo ai potenti. ma puoi anche far finta che non lo abbia citato, non cambia molto per quello che volevo dire.divara in versione finto anonima

  16. Stai diventando saccente e antipatico, questo già da un po'… ti fa male stare lassù o stai diventando un vip?non c'è più spazio all'ironia, ti prendi un sacco sul serio in ogni cosa che dici ( e sono d'accordo con quasi tutto… è solo il modo che io discuto… ma sono solo io, quindi… però vatti a rileggere qualche post di qualche anno fa, troverai la politica, le discussioni, tutto quello di cui parli oggi, ma senza quest'aria da depositario della verità…) ciao rafè!Lisa

  17. …io direi di fare un programma dove si parla di merda in modo giusto……un nuovo format educativo per i giovani d'italia e perche' no del mondo.

  18. già… quando uno parla male di B. ha sempre ragione

    anche se l'unico argomento che tira in ballo sono le feci…

    dulcis in fundo arriva pure un imbecille che ti spiega le Luttazzi battute con tono saccente e ti dà…. del saccente

    e un altro che dice che siamo a radio Londra eh sì non per niente alla rai passano personaggi filo-B come Luttazzi

    NOB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: