la prassi ogni mattina

La prassi ogni mattina è uscire di casa che il cielo è ancora tutto nero, e poi fare la mia mezzora di strada cantando le canzoni dei Travis con ampi sbracciamenti che prontamente si interrompono ai semafori per timore del giudizio altrui. Certe mattine poi giungo al lavoro che ho un calamento di palpebra coatto, un fenomeno così coatto e irresistibile, una cosa che non ci posso fare nulla ma sento la palpebra che mi scende e vorrei avere a disposizione quello strumentino perverso di Arancia Meccanica che ti tiene gli occhi aperti contro la tua volontà.

Questo problema della palpebra che crolla possiamo pure scherzarci sopra ma di fatto è un problema serissimo, anche se limitato alla prima ora, ora e mezza della giornata. Ci sono mattine che arrivo con certe palpebre di due chili l’una e vengo messo al centro di discussioni interessantissime su cose incomprensibili tipo il documento che si è perso, la firma che manca. Io davvero ci metto tutto l’impegno che posso, mi mordo la lingua per stare sveglio, mi do pizzicotti fortissimi sulle cosce.  Che poi il problema non è tanto stare sveglio, il problema vero sarebbero le palpebre, perchè a restare sveglio io sarei pure capace. Il problema sono le palpebre da due chili l’una: se non fosse scandaloso mi piacerebbe davvero poter seguire tutte queste interessanti discussioni con gli occhi chiusi facendo Sì Sì con la testa, come fanno certi preti quando ascoltano le confessioni dei fedeli. Sì Sì, certo certo. Sì Sì. Il problema poi è che a fare la faccia interessata e rilassata, diventa più difficile tenere le palpebre sollevate. Il problema è che mi trovo costretto a fare delle facce preoccupate, perplesse, una di quelle facce che devi aggrottare la fronte, perchè ho scoperto che in questo modo ci sono una serie di muscoli facciali in contrazione che ti permettono di tenere la palpebra sollevata come un impalcatura.  

Vabbè.
Poi cos’altro.

Non voglio che cade il governo.

Billigiò mi informa di un nostro conoscente che è entrato nella casa del grande fratello.

Poco fa al supermercato ho incontrato il sosia di Benicio del Toro e uno squatter scalzo e in cannottiera con la cresta fucsia. Io ho comprato le patate già tagliate per il forno e una cosa melmosa e gialla che non so cosa sia. L’attuale politica nel fare la spesa è questa: mi permetto un venti percento di sperimentazione sul totale e poi come va, va.

Speriamo che va.

Che poi mi chiedo se i preti che parlano con gli occhi chiusi gli ho incontrati solo io o se è un fenomeno comune.

Speriamo che va.

9 pensieri su “la prassi ogni mattina

  1. ah sì, in olanda al supermercato vendono quelle creme misteriosissime da mettere nel piatto che non si sa cosa ci sia dentro e che sapore abbiano, ma che fanno indiscutibilmente parte della cucina nazionale
    che strana ‘sta cosa del cielo nero: a che ora ti alzi? io mi ricordo che mi alzavo abbastanza presto, tipo 7.30 e il cielo era sempre incredibilmente terso e limpido. dopo due ore pioveva.

  2. anche qui se esco di casa prima delle otto e mezzo (cioè quasi mai) il cielo è scuro.. però poi fa buio sempre più tarsi, ah, la primavera sta arrivando, lo sento!!
    (no, quello che volevo dire è che arrivo a lavoro sempre mezza rimbambita, dopo un’ora di sonno in treno e autobus, però l’inizio è sempre soft, controllo la posta, i blog, i giornali, scendo a fare colazione e finalmente mi sveglio. ma delle volte son così fritta che ho la tentazione di andare in bagno e addormentarmi sul cesso.. solo cinque minuti..)

  3. a me succede nel dopo pranzo, ma è uguale. stesso peso palpebrale.
    neanch’io vorrei cadesse (la palpebra ma pure il governo), ma si mette male.
    rettifica così: i preti con gli occhi chiusi sono solo nel salento o pure altrove?

  4. Ma non è che la palpebra ti cala perchè quelle bustine gialle hanno conseguenze di questo genere?
    In ogni caso nemmeno io voglio che cade il governo. Non perchè ci sia particolarmente affezzionato, ma per la regola del “meno peggio”.
    PENSIERILAIT

  5. Lise: qui alle 7 e mezza è ancora buio.

    freesia:
    dalla regia mi dicono che i preti dormienti ci sono pure al nord.

    sciroccata:
    non è una salsa, è una cosa a pezzi, una cosa eterogenea. Non ho idea cosa c’è dentro. Tipo una zuppa.

    Pensierilait:
    appunto.

  6. il tuo é il commento piú calzante per la politica italiana in questo momento: “una cosa melmosa e gialla che non so cosa sia”.

    anche se non voluto.

    d15

  7. Io ve lo racconto anche se faccio pena quanto fa pena l’Italia adesso…quando ho lezione alle 8 mi devo alzare alle 5.30, manco facessi il muratore…magari ci sono tante lezioni in un giorno e rimango anche al pomeriggio, ciò significa che dopo il pranzo io sono indiscutibilmente in coma ultra profondo. Una volta, in una giornata così, anche se ero sfinita ho deciso di accompagnare una mia amica ad un’ultima lezione per poi tornare a casa insieme. Non l’avessi mai fatto!
    Dopo il primo quarto d’ora i kili erano 5 a palpebra, non ce la facevo, mi cadeva pure la testa, ancora un po’ e mi si staccava dal collo o me lo rompevo l’osso del collo….
    Dico alla mia amica: senti io esco, faccio due passi. Mi vergognavo troppo per dirle cosa stavo per fare….
    Vado in bagno, prendo una sedia che c’era dove ci stanno i lavandini (che poi ancora mi chiedo che cacchio ci facesse quella sedia lì, mah, meglio così), la metto accanto ad uno schifosissimo cesso, chiudo la porta, metto quel cosino per chiuderla dall’interno, mi stampo sulla sedia, appoggio i piedi sul cesso e finalmente quei 5 kili a palpebra hanno il consenso di prendere il sopravvento…………..
    Mi sono fatta una dormita di un’ora, un’ora e mezza più o meno.
    Faccio pena, ma stavo svendendo dal sonno…faccio pena ma vedo che #3 ha avuto la tentazione..faccio pena ma sui cessi ci dormo a Luxuria manco ce la volevano far andare……..

    La bella addormentata sul cesso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...