dunque, due punti

Se alla nuotatrice ora piace un altro nuotatore oppure No, è poco importante. Perché tempo prima quello stesso nuotatore stava con un'altra nuotatrice. A me fa pena e tristezza a prescindere.

 

Questo comportarsi da femmine da branco, e da maschi da branco. Fai parte di un branco, quindi te lo scegli nel branco. Vi rendete conto quanto poco speciali siete l'uno per l'altra? E quanto invece siete misera coincidenza? Come sul lavoro, come a scuola, come in tutti i gruppi umani, come come come. Non so se mi spiego. Glielo avrei pure spiegato alla collega che prima manco sapevo come si chiamava, prima manco mi cacava, poi un giorno mi vede sudato in palestra e da allora me la trovo sempre appollaiata a fianco. È che bisogna piacersi da lontano porcamiseria. Piacersi da vicino, che cazzo di palle. Non è piacersi: è praticità.

 

È disinteresse verso i dettagli. Mi viene il sangue alla testa se la gente si disinteressa ai dettagli. È incapacità di rompere il vetro (spoiler per post che devo scrivere e che mi trascino da tempo) e mettere la mano oltre e afferrare quello che ti preme.

 

Io questo agosto se vi trovaste a venire in macchina con me, vi accorgereste che ascolto Mezze Stagioni degli Ex Otago e mi struggo pescando in giro (quelli che sono per me) inediti di Troisi. Un giorno che avrò una casa con un corridoio, ci metterò la foto di Massimo. Io questo agosto festeggio l'anniversario di un anno di insonnia, sono diventato uno che corre tantissimo fino a scoppiare, ho sostituito definitivamente il pane con il riso, mangio spesso salmone crudo e compro cibarie costose che poi mi scadono in frigo perché sono distratto.

p.s. ehi, ma io ho una categoria del blogghe che appunto si chiama "mezze stagioni", inaugurata molto prima di sto disco, che se uno fosse affezionato lettore potrebbe cliccarci sopra e fare un tuffo nel passato leggendo un me stesso d'annata.

Annunci

5 thoughts on “dunque, due punti

  1. quando avevo vent'anni vivevo a bologna in uno studentato. mi fidanzai con un tizio – dello studentato, ovvio – che faceva ingegneria. siamo stati insieme tre anni. quando lo lasciai, lui, dopo venti giorni di pianto, si fidanzò con la mia vicina di stanza. ora sono sposati. 

    dopo alcuni mesi, ritrovai un nostro compagno di studentato del primo anno, che aveva mollato il collegio. visti, presi. tre anni di storia. mollarlo (va beh, son una stronza, ma questo non c'entra). ora lui è sposato con una nostra compagna di studentato. 

    ho sempre pensato che il nostro studentato avesse un tasso di endogamia altissima, e quando ho letto delle storie ittiche mi sono consolata, vedendo che tutto il mondo è paese. 

    ad ogni modo, una delle informazioni più interessanti del post è che tu, sudato, sei figo. non è un abilità da tutti. 

  2. be', uno pesca nel proprio villaggio in genere. però sul fatto che uno ti debba piacere da lontano non sono d'accordo.

    il tempo passa, tu non sei più quello di prima, lui non è quello di prima.

    di recente mi sono presa una cotta per un collega. ma uno che avevo visto sempre tutti i giorni e non mi aveva fatto nessun effetto. scuffia paura. nel giro di 15 giorni mi è passata e ora di nuovo lui non mi fa nessun effetto. ma mica era una "cotta di praticità"

    🙂

  3. plett:

    alcune di queste storie le lessi in quel tuo papiro onnicomprensivo. ma le storie "ittiche" mi mancano. cazzo vuoi dai pesci che sono tutti identici. quella chiamasi confusione.

    lise:

    quella chiamiamola seasonality. in certi momenti il tuo cervello cerca profili genetici complementari a quello che ti accompagna di solito. 

    eli:

    benvenuta.

  4. Tutto molto bello, gli Ex Otago e la storia del cercare fuori dal branco e della praticità. Però il piacersi da lontano, scusa, non regge mica. Da lontano sembrano tutti belli, è da vicino che si notano tutte le magagne. Se ti piaci da vicino, capace che ti piaci-per-davvero. E i dettagli? I dettagli da lontano non li vedi manco per il cazzo, specie se sei miope livello talpa tipo me, altro che interesse verso i dettagli.

    Non so se si è capito, ma questa teoria la dovresti rivedere un pochino, secondo me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: