ci sono parole

Ci sono parole che all’estero – e in particolare nel mondo anglofono – vengono considerate italiane ma che italiane non sono. Generalmente hanno a che fare con il cibo e con un uso scriteriato del plurale. Per esempio “salami” per dire salame, “pepperoni” per dire peperone, “zucchini” per dire “zucchina”.  In paesi a lingua barbara, come il Paese Basso e le Fiandre, si usa anche “panini” per dire “sandwich”. Quindi la gente dice tranquillamente I would like one panini e crede di parlare quasi italiano.

Queste sono le parole che definisco “orfane” nel senso che gli anglofoni le attribuiscono all’italiano (dal quale certamente derivano, non essendo presenti pero’ nel dizionario) e gli italiani le ignorano. Sono parole orfane e apolidi eppero’ utilizzatissime.

Siccome questo qui e’ un argomento frequente e che snocciolo spesso, adesso devo controllare se ne ho gia’ scritto, e se l’ho  fatto, welcome arteriosclerosi.

Annunci

4 thoughts on “ci sono parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: