agli sgoccioli

Aprendo la valigia di scatto ci trovo dentro un geco extra large che ha deciso che quella è la sua nuova casa. In un attacco improvviso di misticismo ho pensato che forse questo è un segnale divino, e che questo segnale divino sta a significare più o meno: Tu non devi partire, non devi partireee…
Proprio così, ripetuto due volte, che suona più mistico.

Solo che qua s’è fatto tardi, e devo partire, e non c’è altra scelta.

(non c’è altra scelta, non c’è altra sceltaaa…)

Wake me up when september ends.
O al limite anche più tardi, se possibile.

Cosa diamine combinerà Rafeli in queste giornate qua? Nell’ordine:

– Studia.  ( risate registrate in sottofondo)  

– Va al mare: guida la barca fino al largo tenendo il timone con i piedi. Poi spegne il motore e si addormenta sotto il sole. I gabbiani galleggiano curiosi attorno a questo scemo che sonnecchia, e che non cala mai l’ancora. La  barca non ancorata segue il vento e si trascina sempre più lontano. Fino ad oggi il motore è sempre ripartito. Il giorno che non riparte, Rafeli scriverà il suo ultimo post da un internet point di Tunisi. Pubblicherà la foto di un qualche pallone Wilson marocchino incontrato durante il tragitto.

– Scrive. Si è impelagato nella prima cosa “lunga” di scrittura della sua vita. Doveva essere un racconto e invece sta venendo fuori un romanzino. Ho detto bene, un romanzino (risate registrate in sottofondo). Rafeli stampa il malloppo di carte e se lo rilegge. Alle volte è soddisfatto. Alle volte vorrebbe bruciare tutto. Nell’indecisione prende il largo e va a fare  compagnia ai gabbiani.

– Gioca con Silvano. C’era chi chiedeva chi è Silvano, qualche post addietro. Eccolo qua, Silvano, mentre si fa la doccia, oppure eccolo anche qua, in tutta la sua piumosa bellezza. Dallo stereo arriva la voce di Ella Fitzgerald e lui ci gorgheggia sopra con virtuosismi che pare un trombettista jazz.

Certe volte mi viene fuori la terza persona, così, immotivata.

(immotivata, immotivataaaaa…)

25 pensieri su “agli sgoccioli

  1. me lo immaginavo più spelacchiato. ma quella cosa vicino è un trespolo?
    buon viaggio rafeli, sia che tu vada in tunisia, sia che tu torni al nord.
    ah, e in bocca al lupo per il romanzino, rileggi il meno possibile, è meglio.

  2. amo ella fitzgerald, ma quando tento di imitarla sfocio sempre nel ridicolo..non oso immaginare come sia la tua di imitazione..beh, produci, produci che poi magari un giorno o l’altro ti ritrovo su uno scaffale della libreria..buon rientro:)

  3. La terza persona mi è generalmente antipatica. Generalmente però.
    Perchè i gabbiani che si chiedono chi sia lo scemo sonnecchioso e il Wilson marocchino un pò mi fanno sorridere.

  4. Che cariiiiiiiiiino (detto con voce stridula da adolescente oca, che non mi appartiene) che è Silvano.
    La terza persona delle volte fa bene usarla, ma poche poche.
    Buon rientro al nord.

  5. ho aggiunto una foto del pennuto che rende giustizia ai suoi colori.

    parto per Bologna, non l’ho specificato. Questo succede sabato.

    La cosa dello scrivere, adesso che ci sono dentro, mi fa capire in che misura sono ancora inadeguato, per tentarla.

  6. Ciao! Ho trovato il link x caso e ci trovo una persona che come me ha la passione per la costa occidentale del salento! E quindi ho pensato di lasciarti un saluto. Detto ciò me ne vado! Ciao!!

  7. Voletegli così bene a Silvano, voletegli così bene, almeno fino a quando non vi staccherà mezzo dito come a fatto a me nelle mie poche ospitate a casa di questo tizio che vomita parole e lacrima pensieri come non avesse un cazzo da fare tutto il giorno, e invece fa, ve lo giuro non sembra ma fa, potrebbe fare di più, ma fa!

  8. Non partireee… non partireeeeeeee!…. Io credo nei gechi segni di una Volontà Superiore… o del Destino che dir si voglia… Ci credo fermamente!

    Maia

  9. tu torni al nord, e quando tornerò io al nord, per me sarà sud. Meglio, sudovest. Mah. Mi sto disorientando qui, e non solo cardinalmente..ma credo, da quello che ho letto, che anche tu sei stato qui..puoi capire perciò:).

    Notte e buon ritorno

  10. ti ha contagiato la pulsatilla?

    ecco,giassò che farai come lei.. prima scriverai un libro, e poi te ne fregherai del blog.
    Come faremo noi lettori dei caz*i degli altri?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...