cose del venerdì sera

Ste femmine che al semaforo rosso tirano fuori la cazzo di scatolina dei trucchi e si impiastricciano la faccia, davvero non lo so.

Non lo so.

Ste femmine che le vedi al semaforo rosso – che io quando il semaforo è rosso giro la testa di lato per spiare il mondo intiero – tirano fuori sta cazzo di scatolina con il fondotinta e se lo passano veloce sulla faccia che la differenza tra il prima e il dopo la notano solo loro.

Ste femmine che il venerdì sera le vedi che sono tutte belle cariche perché inizia la pacchia del week end  e si vede benissimo che sono andate a farsi la lampada il giovedì per essere belle croccanti per il week end.

Ste femmine che il venerdì sera le vedi che se sono in macchina da sole, allora ad ogni semaforo si danno una restaurata alla faccia, ma se sono in coppia sghignazzano eccitate muovendo il busto avanti e indietro che chissà se non prendono una capocciata al cruscotto, e fumano fumano fumano.

Vanno in giro con la Smart, e masticano gomme con la bocca semiaperta, e fanno dondolare orecchini eclatanti dai lobi, mentre un braccio pende fuori dal finestrino, e nel frattempo fumano fumano fumano.

Ste femmine che lo so che non sta bene dire femmina ma adesso mi viene così, che a pensarle donne non mi viene, che mi danno l’impressione di essere dei manichini ai quali è stato appena tolto il cellophane.

Ma vabbè lascio perdere che ci sarebbe materia per scriverne dieci, di post su sta cosa delle femmine ferme al semaforo.

Ero a cena – ad una cena che sono arrivato giusto giusto per la frutta – e mi ero assentato per andare al bagno a pisciare. Quando sono tornato dal pisciare, dallo stereo usciva fuori Capossela a volume bassissimo, ed una tipa californiana di San Diego (come dicono loro “Califournia”) riconosce il pezzo e mi fa:

– Ah, ma tu sei salentino! Dai ballami la pizzica!-

– Ma cosa dici, califourniana di San Diego, non è possibile. Punto Uno questa non è pizzica e Capossela non è salentino (sebbene pare si ubriachi tutta l’estate dalle mie parti ndr ) Punto Due ballare la pizzica non sono capace, e se proprio devo provarci allora dovete darmi un mezzo litro di rosato come si deve. Punto Tre: tu come diavolo è che conosci la pizzica che vieni DaDoveHaiDettoCheVieni? Punto Quattro: dov’è la birra?-

Poi vabbe’, ho trovato la birra, ho  spiegato alla califourniana che i Negramaro, quelli sì, sono salentini davvero. E allora siccome lei conosceva pure i Negramaro, ha voluto sapere a tutti i costi cosa significa “L’Idea che Ormai Ho di Te, Verde Conijo” e le ho detto che sta frase non ha senso, che Verde Coniglio non ha davvero senso, che potevano dire pure Guarda Mio Figlio oppure Fai lo Sbadiglio che era uguale, ma chissà perché hanno voluto dire Verde Coniglio. Allora lei ci pensa un attimo e mi fa:- Potevano dire pure Gallo Giallo o Cavalla Viola?- 

Be’ si, suona di merda, ma ci può stare.

31 pensieri su “cose del venerdì sera

  1. rafaeli, io voglio dire che da quando ti ho scoperto per me sei come il vino rosato. e, mentre ti leggo, vado avanti e indietro, proprio come le fimmine al rosso (io però al rosato, eh) e prendo le panzate contro la scrivania.
    e poi, non dire in giro che sei salentino e la pizzica non la balli. che tanto per chi non è del salento puoi fare una qualsiasi cosa, pure la brechdenz e spacciarla per pizzica.
    capossela si ubriaca da noi? e mi diresti dove, con gentilezza?
    grazie rafaeli, grazie, iniziando con queste risate, il lunedì ha più senso. grazie.

  2. allora:

    sulle donne da te descritte, dico proud to be different, and white as a damn mozarela.

    La cosa del verde coniglio mi ha fatto parecchio ridacchiare. Verde coniglio. Verde coniglio. Era meglio Dammi un cosiglio. Per non scrivere verde coniglio.

  3. la californiana è in gamba: sposala!

    verde conijo? mo’ capisco perché il cantante brutto&scemo dei negramaro a storyteller diceva: i nostri testi non è che hanno un senso.

    eh, già.

    io non mi trucco.
    però invidio quelle che si sanno velocemente ripassare ai semafori.

  4. mi elevo ad hobbit e rinnego l’appartenenza al genere femminile così come sopradescritto.

    purtroppo però mi rendo conto che il 90% delle donne è così, come le femmine sulla smart con gli orecchini giganti che masticano il cicles come se avessero del mastice in bocca.

    che paura.

  5. certo che girano femmine strane a bologna, ferme ai semafori… sono contenta di non avere la smart, di non truccarmi al semaforo, di non portare orecchini che pendolano, e di aver praticamente smesso di fumare…

    verde coniglio me l’ero sempre chiesto pure io..pensavo ci fosse chissà quale metfora dietro…

    merc 24 vado a un mega party con concerto di pizzica all night long…

  6. mi è venuto in mente uno scambio tra un cantautore, non ricordo quale e una pornostar, non ricordo quale. la seconda incontra il primo nei corridoi di un qualche studio televisivo, non ricordo quale, e fa al primo: -oh, il mio cantante preferito! mi canti qualcosa?
    risposta : -oh, la mia pronostar preferita! mi fai vedere qualcosa?

    potevi risponderle: -ah, ma tu sei californiana! dai, dì qualcosa di scemo.

  7. io giro con la panda verde (un po’ coniglio), quando il semaforo e’ rosso leggo il giornale o giro la cassetta dell autoradio con cassetta. che non son femmina?!

    … comunque la femmina incipriatrice assume certi atteggiamenti quando c’ha accanto qualcuno che sta spiando il mondo intiero.

  8. rafelì, l’hai fatto apposta, l’hai fatto apposta ‘sto post….. perchè sapevi che i commenti femminili ti avrebbero contestato….. la californiana non è di plastica? Strano…..loro ci nascono di plastica……..ascolta quello che ti dice brule e provvedi….. io quando il semaforo è rosso mi incazzo, perchè lo diventa sempre quando arrivo….. e sono talmente brutta in quel momento che dovrebbe durare due ore la sosta….. per rifarmi tutto( comunque le invidio queste qui che sono sempre a posto anche sotto il sole di luglio, ma come fanno, boh?). Fatti insegnare dai tuoi nonni la pizzica. Il ballo etnico è trendy adesso……rimorchi da paura…….. Verde conijo….mah……….

  9. – ah, sei californiana? fammi vedere la prugna
    (questa era la risposta esatta)

    i testi dei negramaro sono vacui e inutilmente drammatici.
    propongo la sostituzione del tristissimo coniglio verde con la sexissima cavalla viola

  10. verde perché sarà stato invidioso, il coniglio…
    Una volta la mia prof d’italiano ha dato un passaggio a me e a due miei compagni e ricordo che al semaforo ad un certo punto esce il matitone nero per gli occhi. E comincia a truccarsi però solo quando già era scattato il verde, guidando con i gomiti …e poi boom! dentro ad una Micra.

    Uff, io non lo so cos’è la pizzica. Ma soprattutto, com’è finita con la califourniana??

  11. la precisazione è d’uopo:
    io non ci sono mica andato a cena, con la califourniana, cioè non eravamo io e lei e basta, ma c’era pure altra gente.
    vabbene?

  12. Femmine che si mettono lo SMALTO ai semafori (Chaaaat?!? Stanno parlando di nuovo di te!).

    E comunque Verde Conijo l’hanno scritto tentando di imitare Mogol (non piangere salame, dai capelli verderame).

  13. No dico, mi avete risolto anni di atroci dubbi!!!!!
    Anni di autostima calpestata sotto scarpe comprate al mercatino del giovedì!!!!
    “Verde coniglio”
    “Non piangere salame dai capelli verde rame”
    Io pensavo di essere l’unica rincoglionita, stupida, inetta a non aver capito il profondo significato che credevo ci stesse dietro….effettivamente già che lo pensavo ero proprio cretina!

    “….non comportarti come tutte quelle che hanno la smart….”

    Sai chi lo dice in una sua canzone? Quello che tu chiami “carciofo” (e sappi che per questo motivo nutro un profondo odio per te)……dovresti ascoltarlo invece…parola dopo parola….nota dopo nota…..ma questo è un altro discorso…….

  14. splendido il tuo blog da quando l’ho trovato per caso mi prendo uno spazio avido e giocoso per leggerlo…
    in merito al “verde coniglio” ho una teoria.. se consideriamo che si una dire di solito “sei un coniglio” a chi è poco coraggioso e “verde di rabbia” spesso viene usato , bè associando i due vien fuori una bella metafora non credi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...