il duemilaedieci

Il duemilaedieci è stato un anno che non ci credi. Quindi come minimo è servito a insegnarmi sta cosa semplice semplice: anche se non ci credi, NON vuol dire che invece poi.

 

Cosa voglio per l'anno nuovo? Non me ne frega niente di chiedere il possibile: voglio l'impossibile.

 

Io che continuamente faccio e disfo valigie vorrei avere tutte le persone di cui mi importa a distanza di massimo dieci chilometri da me. Senza internet di mezzo, li voglio proprio a dieci chilometri da me. Alcuni raggiungibili in bicicletta. Includendo anche tutte le persone interessanti conosciute in posti lontani e diversi fra loro. Tutti vicini li vorrei. E poterli vedere così di frequente da poter citofonare senza preavviso, sedere sul divano e non dire niente – oppure al massimo qualcosa del tipo “vuoi un amaro col ghiaccio?” “dai sì”, e poi silenzio.

About these ads

7 thoughts on “il duemilaedieci

  1. oggi a pranzo con M si parlava di amicizie, si diceva che gli amici, quelle persone che come dici tu basta anche stare in silenzio, sono sempre troppo distanti per goderne in modo costante.. poi capisci perchè uno si butta sugli sport di montagna

    s.f. da p.

  2. quando i silenzi non pesano è perchè c'è qualcos'altro che non si sa come si chiama ma che si riconosce facilmente

    la culona del commento del post di prima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 53 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: