per esempio i gatti c'hanno qualcosa come sette vite

vita più, vita meno.

Io invece mi trovavo qualche mese fa in condizioni alcoliche indescrivibili, con la lingua patinata di rum e la traiettoria sbilenca che dicevo cazzate e facevo finta di divertirmi. E in tutto sto contesto di bicchieri vuoti e vesciche esasperate mi sono ritrovato alla corte di un essere femminile che più e più volte aveva fattomi capire che lei – questo essere femminile – era davvero ben disposta nei miei confronti. Queste dimostrazioni di affetto a quattro centimetri di distanza dal mio naso io le avevo subito capite, e avevo capito pure le intenzioni sottostanti, ma forse lei credeva che io non le capissi e allora insisteva e insisteva e insisteva.

Trovatomi in condizioni alcoliche indescrivibili (oggi mi piace scrivere così: trovatomi, fattomi, essendomi…) e avendo incontrato sulla mia strada l’essere femminile di cui sopra, mi sono limitato a tastare un paio di volte la disponibilità per poi sparire subito dopo, non ricordo se con la scusa dell’apribottiglie (probabile) o se con quella dell’alieno che mi parla da Marte con un microchip impiantato nell’orecchio, o con quella del pinguino schizofrenico che mangia noccioline lanciandole in aria con le ali che mi aspetta a casa con le ali rotte per farsi lanciare le noccioline da me. Boh. Non ricordo, comunque è certo che sono sparito, complice anche lo stato alcolico e non ultimo il famosissimo magone della Primavera storta che poi è diventata estate, poi autunno e poi inverno e che se aspetto ancora un po’ fa tutto il giro e ricomincia daccapo.

Ma il punto non è questo, il punto è un altro.

Il punto è che adesso vengo informato che l’essere femminile di cui sopra è irrevocabilmente incinta. La fonte della notizia – che vuole restare anonima – non sapendo che io non ho per niente, diciamo così, “approfittato” della disponibilità dell’essere femminile, per fare il simpatico mi chiede via mail: ti devo fare gli auguri? Che simpatia, certi amici che ho. Gli dico: No, non c’è bisogno di auguri, io non c’entro niente.

Ma il punto non è neanche questo, il punto sarebbe un altro.

Il punto è che non c’entro niente, ma in teoria potrei c’entrarci, se per caso qualche mese fa avessi avuto la lingua molto più patinata di rum e la Primavera molto meno storta. E un pizzico di sbadataggine in più. E qualche pensiero in meno. E qualche centimetro cubico di cervello in meno. E qualche casella in cui mettere una crocetta in più.

Credo che il percorso di un giovane uomo sia costellato da un certo numero di donne potenzialmente incinte, che per un momento sono fertilissime, e che potresti essere proprio tu quello che fa il pasticcio. C’hanno l’ovulo che canta come le sirene di Ulisse. Però poi succede che il pasticcio capita a qualcun altro. E’ un proiettile che ti passa vicinissimo alla testa e senti pure il sibilo, ma poi finisce per colpire quello dietro di te, che stramazza al suolo. Questa cosa si chiama – con buona approssimazione – la misericordia di Dio. Grazie alla misericordia di Dio ho visto amici e fratelli fare gli auguri a ex-ragazze col bambolotto nel passeggino, e poi passare oltre con la faccia di chi sta pensando: poteva succedere anche a me, non è successo, ma poteva succedere.

I gatti c’hanno sette vite, ma il giovane uomo quanti ovuli è in grado di scansare? Non si sa bene. Tre? Quattro? Dipende. E’ il destino? Non è il destino. E’ una roulette? Non è una roulette.  E’ la misericordia di Dio, ecco cos’è. Quindi tutti insieme alziamo i nostri occhi al Signore e diciamo: Sia Fatta la Tua Volontà.

Sia fatta, senza fretta.
About these ads

31 thoughts on “per esempio i gatti c'hanno qualcosa come sette vite

  1. Tutte le circostanze sono estremamente improbabili. Ma una si verifica.
    ..se mia nonna avesse avuto le palle sarebbe stata mio nonno, diceva qualcuno; perdona la finezza.
    Stavolta l’hai schivata…chissà la prossima ;)

  2. con tutti i metodi contraccettivi che ci sono.. ma dico rafaeli mi rischi così..
    ho capito che il proiettile ti passa vicino e non ne puoi schivare chissà quanti ma tu ti infili in un poligono di tiro.. eh eh

  3. In realtà esiste un segreto cosmico per scapolarla sempre. Vado a cercare di spiegarlo:
    Allora… è come alle superiori quando digrignando i denti ed incrociando tutto, sottovoce ripetevi: “non interrogare me non interrogare me non interr…” “Rafaeli!” e giù bestemmie immagino. E qui è identico, più pensi con spavento alla fertilità dei tuoi spermatozoi più questi si muoveranno agili e volteggianti.
    Bisogna sfidare il proprio destino e zac via alè! e non succede niente, almeno credo.
    Ciao

  4. …e chissà cosa pensano il numero di donne potenzialmente incinte, eh?

    e chissà cosa pensa lei che insisteva tanto, magari l’ha fatto con uno che le piace di meno.

    chi un proiettile, chi un missile.

  5. Voi siete gli archi
    dai quali i vostri figli
    come frecce viventi son lanciati.
    L’arciere vede il bersaglio
    sul sentiero dell’infinito
    e vi piega con la sua potenza
    perché le sue frecce
    volino veloci e lontane.  

    …frecce, proiettili, missili…
    Lo dice anche il saggio Kahlil, fidiamoci.
    Il problema è la scelta dell’arco.
    Tutto lì.
    Mario

  6. Aspetta a dire che non c’entri, magari non c’entri davvero però lo sai come sono fatte certe donne. Se il responsabile vero nega di esserlo, il secondo della lista a cui appioppare la gestione combinata della prole potresti essere tu. E’ vero esiste il test del DNA ma prima di quello quante rogne….e poi ringrazia IDDIO che non sei ancora ricco e sistemato altrimenti ormai anche il DNA (che finisce con la A quindi è donna) si adatta e fa risultare che il padre sei tu….semplicemente perchè c’hai li sordi….(forse sto diventando un pò misogino…)

  7. Rimango sempre stupita dalla ” leggerezza” dei MASCHI, insomma, ma che pensate che l’impollinazione avviene sempre con l’effetto del vento?
    E voi vi trovate “padri per caso”, ma pensate un pò a quella poverina che si trova la pancia a cocomero e un esserino attaccato a lei fino almeno ai 16 anni ( se va bene) e non un compagno che l’abbia scelta come madre dei suoi figli?
    Maschi: pensate di più, e bevete di meno.

  8. comunque, per utente anonimo, i figli da che mondo e mondo si sono sempre fatti in 2.

    Non per difendere gli uomini, ma per giustizia.
    (un pò come dire: gli uomini son tutti porci, ma le donne sono pu**ane)

  9. nono si è capito. tu hai scansato una donna fertile. e se fosse stata già incinta e ti avesse voluto incastrare? eh? ma quanto sono perfida?

    menzogna

  10. in effetti, da calcoli messi in atto da certe persone di mia conoscenza, al tempo del mio “sondaggio” etilico lei era già pregnante.

    comunque l’argomento del post non era la fertilità, era il destino, parlavo del destino, ma mi sa che non si è capito.

  11. wa…grandi le false scuse che ti sei inventato al momento! ah, e sono anche rimasta così O.O quando ho letto del guaio che poteva essere successo…e sto ancora così O.O

  12. Ma io mi chiederei, piuttosto: una giovane donna quanti spermini è in grado di scansare?
    Che già c’è la mannaia dello Spirito Santo da schivare, che ti piomba alle spalle così, senza preavviso, e non lo vedi e non lo senti…

    Chà

  13. Seeee, il destino… Se vedi una casa che potrebbe crollare da un momento all’altro, tu non ci vai dentro se non vuoi rischiare di beccarti una mattonata in testa; se ci vai, ti prendi anche la responsabilità di quello che potrebbe accadere, e non puoi dare la colpa al destino o alla sfiga. Insomma, ci sono cose che accadono e sono assolutamente imprevedibili, ma tante altre sono molto prevedibili e aggirabili.

  14. Il punto, però, è che anche ai nostri gentili ovuli femminei non piace molto essere infilzati dai vostri spermatozoi. [apro una parentesi: quando parlo di ovuli e spermatozoi mi viene sempre in mente l'incipit del film Senti Chi Parla, è grave?] Poi, voglio dire, noi già una volta al mese c’abbiamo gli ovuli che ballano il tip tap provocando non pochi guai, aggiungici quei nove mesi di nausea e aumento imprecisato di massa, gli orribili completini premaman…..Eh, voi uomini si che ve la potete scampare. Ma a noi donne, quando ci prende ci prende!
    Comunque… Post geniale, come sempre.

  15. Noi ce lo sappiamo che l’ovulo canta, lo sentiamo anche noi, quelli che non lo sanno sono quella massa di fresconi che “No, non ti preoccupare, facciamo senza, fidati di me”.
    Il NONTIPREOCCUPARE è alla base della sovrappopolazione del pianeta.
    Tsk.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 55 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: