adesso pensavo a queste cose qua

Succede che arrestano il boss dei boss della mafia, che praticamente lo stavano a cercare non so da quanti anni, e dopo averlo preso, il grande capo, mentre questo grande capo era impegnato a girare col mestolo le cicorie che aveva sul fuoco, dopo aver fatto cliccare le manette ai polsi del boss, si danno delle gran pacche sulle spalle, e sono convinti – ma per davvero – che stanno sconfiggendo la mafia.

Succede pure che tirano una bomba su una casa in Iraq e in questo modo accoppano il famoso terrorista sanguinario, uno che solo a dire il suo nome c’era da cacarsi in mano, uno davvero pericolosissimo, e dopo che lo hanno ucciso con la loro bomba precisissima, prendono la faccia del famoso terrorista accoppato, ci pettinano i baffi, e ci fanno una foto che due secondi dopo ha già fatto il giro del mondo.

E mentre il corpo del famoso terrorista è ancora caldo e trasuda terrorismo da tutti i pori, loro sono lì che si danno delle grandi pacche sulle spalle e sono convinti – ma per davvero – che così stanno sconfiggendo il terrorismo.

Io che i libri di storia non li leggo, la saggezza dello storico non ce l’ho, e i libri di storia pure volendo leggerli non ce li ho nemmeno, e al massimo c’ho i libri di storia delle medie ancora impolverati da qualche parte, ma di quelli non me ne faccio niente, e quindi rimango qui che la saggezza dello storico non ce l’ho.

Però mi ricordo delle formiche.

Le formiche, non c’è bisogno di essere vissuti in campagna per saperlo, quando te le trovi in casa le vedi – le formiche – che camminano in fila indiana una attaccata al culo dell’altra e che vanno dritte così, senza sgarrare, dirette dove vogliono andare, e vanno.

Io le formiche me le trovavo così, in casa, e mi inginocchiavo di fianco alla loro processione.

Poi col dito mio di bambino andavo su di loro e le schiacciavo una dopo l’altra, con regolarità, col ditino, e non c’era neanche bisogno di inseguirle, perché loro – le formiche – comunque proseguivano dritte, anche se vedevano le loro compagne spiaccicate sotto un enorme dito di un bambino immenso, loro impassibili continuavano dritte, e io al passaggio le schiacciavo.

( si ok ma perché le schiacciavi? È una cosa terribile, dio mio, che schifo, e che pena, povere formiche! Cazzo ne so perché le schiacciavo, i bambini sono dei piccoli bastardi, lo sa bene la Amèlie Nothomb, lo sa bene chiunque ha a che fare con un bambino, e comunque la questione non è questa ) .

Il punto è che le formiche potevi cercare pure di ucciderle tutte, col dito infallibile, ma le formiche te le trovavi il giorno dopo di nuovo lì, in fila indiana, che andavano cocciute dove volevano andare. E quindi arrivavi a comprendere, seppure eri un pinolo di bambino, che era inutile stare lì a farsi il callo sul polpastrello, e di sporcarsi di sangue puzzoso di formica – che poi non è neanche sangue – perché per giorni avresti ritrovato le stesse stronzette nuovamente sulla loro via.

E non te ne saresti liberato, a meno di non trovare il formicaio, e il formicaio col cazzo che lo trovavi, oppure lo trovavi, ma poi da qualche parte ce n’era di sicuro un altro, pieno zeppo di formiche pronte a mettersi sotto il tuo dito di giustiziere in miniatura.

E nel tuo cervello di piccolo serial killer ( nel senso di killer in serie ) avresti capito bene che il trucco in realtà è quello di smetterla di far cadere le briciole per terra, che solo così avresti risolto il problema.

E in pratica, quello che voglio dire e non riesco a dirlo tanto bene, è che qui ci si continua a sporcare le dita di cose puzzose, mentre con l’altra mano facciamo cadere tante di quelle briciole, ma così tante, ma così tante, che non lo so cosa può succedere, davvero non lo so.

Di certo, non è che poi arriva Pollicino.

 

About these ads

24 thoughts on “adesso pensavo a queste cose qua

  1. Eh si caro Rafeli, sono pienamente d’accordo con Te, se non fosse che per evitare di fare briciole bisognerebbe evitare di mangiare il pane e se evitiamo di mangiare il pane che si fa, si mangiano i crackers e i crackers di cosa sono fatti? di farina, allora bisognerebbe evitare qualsiasi tipo di farinaceo, e quindi diciamo addio agli amidi, è questa la soluzione, evitate gli amidi e vedrete che salverete il mondo. si si è proprio così, abbasso gli amidi e w lo yogurt!

  2. Amélie ha l’accento acuto.

    E detto tra noi, a schiacciare formiche si prova un piacere sadico che poco ha a che vedere con la volontà seria di sterminare il formicaio. Smettere di far cadere briciole non fa vincere le elezioni di nessuno, schiacciare un paio di formicone, invece, sì.

  3. una delle teorie più accreditate dagli scienziati,afferma che gli insetti popoleranno la terra quando noi ci saremo estinti da un pezzo….. forse è per questo che rimangono imperturbabili quando le schiacciamo….. pinolo di bambino, bellissimo……

  4. spetta, innalzo ancora di più il tono aulico sociale:

    “quando la vergognosa abbondanza rende vorace l’uomo, incuranti e innumerevoli cadono le briciole creando scompiglio;
    parcamente e con attenzione mangia il probo, non attira lo sguardo, non spreca le risorse, dorme con le galline e si sveglia con il gallo”.

  5. Eri un pinolo semi giudizioso…mio cugino invece cercava direttamente il formicaio e, una volta trovato, accendino e carta alla mano, gli dava fuoco. Ora non vive più al mio paese e io non ho più contatti con lui ma quando d’estate sento parlare degli incendi immagino che sia lui che ancora si diverte a fare il piromane dei formicai.

  6. E comunque, ogni volta che ammazzo una zanzara, penso ugualmente che non ho ammazzato solo lei, ma pure i miliardi di discendenti che avrebbe avuto nel giro di un paio di giorni.

  7. e comunque la cosa del “pinolo” non è mia, ma la trovai in uno dei primi – assai apprezzati- libri di Brizzi.

    e comunque lo so, certe volte questi paragoni qua sono un po’ tirati per i capelli.

    E comunque grazie Waki, grazie Brule che mi venite dietro in questi sbrodeghezzi.

    e comunque tra due ore inizia Italia Usa e non ho ancora fatto il carico di birra.

    e comunque questa settimana che inizia tra poco sarà piena di tante di quelle cose che già mi viene di prender il fiato e di buttarmi con la testa in tutto quello che mi aspetta,e di spaccarmela.

    e comunque che caldo.

  8. Dal pensiero contorto, ma sarà il caldo. E comunque il concetto l’ho afferrato, l’ho fatto mio adesso.

    Stamattina mentre mangiavo la granita mi è caduta qualche gocciolina a terra e ancora adesso è una ressa di formichine.
    Tutto gira intorno a me e Franchino canta.
    Inoltre ho iniziato a mettere le infradito giusto ieri e fa male il pollicione. Ho pensato a te ecco. :)

  9. caro rafaeli,
    noto con piacere che sei sempre informato sulle cose del mondo. il fatto che ti sfugge, però, ora che sei una pigna matura, che non sempre le molliche che uno si sgorda sono di pane. alle volte sono granelli, granelli bianchi, e le formiche danno giù di matto…

    ti saluto, rafaeli, che iddio sia conte e ti porti presto al mare (senza scarpe di cemento e senza pinne gialle, che altrimenti pari un tonno, ed i tonni con le formiche fanno cose inenarrabili).

    cq

  10. condivido l’ipotesi dei bambini bastardi. annuisco sulla tesi, e mi compiaccio per gli esempi: adoro chi a quest’ora mi esemplifica la storia di oggi in modo semplice e senza giri di parole e complementi.
    mi hai anche fatto ricordare che le formiche, a 8 anni, erano sopravvissute al mio ditino grassoccio e avevano iniziato l’assalto della sottoscritta. chissà come questo si collocherebbe nella storia di oggi.

    ***

  11. riguardo a quelli che arrestano,a80 anni,mi puzza di ricovero ospedaliero..più che d’arresto(catapecchia campagnola,odore di verze marcite e non so che altro..poveri vecchi) ..e dei terroristi uccisi e reINBAFFATI..non so..magari domani mi ammazzano per sbaglio e per far credere che fossi una terrorista..mi mettono un bel paio di baffi(che magari,anche se donna mi stanno anche bene..) e forse ha ragione freereeding :))) ma anche io sgancio ddt sulle formiche quando invadono la dispensa, e mi dispiace sempre un po :/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 54 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: