quelle cose lì

Esiste da qualche parte un Dio delle Mestruazioni che mi insegue ovunque vado.

Come Fantozzi aveva la sua nuvola, io ho il mio Dio delle Mestruazioni.

Questo Dio mi sgama ogni volta che sono sotto un lenzuolo, quando sotto il lenzuolo non sono da solo. Mi scopre ad armeggiare sotto le coperte, mi indica col suo dito insanguinato ed urla: “ rafeliiii!!!! Cosa Cazzo stai facendoooo?!?!?”

E allora ecco che Zac! mi manda le Mestruazioni.

Qualche giorno fa questo Dio è stato più veloce di me. Quando sono arrivato io, lui aveva già mandato il suo flagello. Il flagello rosso. E vabbe’, succede.  Pazienza. 

Sabato invece le cose sono andate diversamente. Arrivo lì, e visto che bisogna fare, si fa.

Si fa, quella cosa che ogni tanto si fa.

E i flagelli? Niente flagelli questa volta? Niente flagelli.

Bene, ho pensato, meno male.

Che ero un po’ in ansia.

Mi tranquillizzo.

Mi rilasso.

Mi addormento.

Si dorme.Quante ore? Cinque? Sei?

La luce dell’alba dalla finestra.

Che bella dormita.

Rifacciamo?

Eh, che ne dici?

Rifacciamo?

Replichiamo?

Aspetta, no, mi sono venute le “ Women’s things”.

Oh  madonna, e quando è successo?

During the night.

Durante la notte?

Già, ho le mie “Women’s things”.

Oh madonna.

E dalla finestra insieme alla luce dell’alba posso vedere il Dio delle Mestruazioni che si spanza dalle risate e che mi urla “ pirla di un rafeeeliiii!!! Pensavi di averla scampataaaa!!!”.

La prima cosa che vorrei dirgli, al Dio delle Mestruazioni, è di smetterla di urlare con queste vocali allungate e strascicate, che inizio a notare un vaga somiglianza con Liam Gallagher degli Oasis. Stand by meeeeee, nobody knooooows.

Sono lì che penso alla definizione “ Women’s things”. Le Cose delle Donne. Quelle Cose di cui non si dice il nome. Per carità. Si trova sempre un nomignolo, un sinonimo. Ma il loro vero nome, non si dice. Guai.

Sono in dormiveglia, sprofondato tra i cuscini. Dalla finestra vedo scendere giù la più grande nevicata del secolo, ma io sono al caldo. Se sono al sicuro questo non lo so, per lo meno sono al caldo. Nel dormiveglia si sa, vengono in testa i pensieri più assurdi. Il mio cervello in quel momento sta pensando a qualcosa di rosso, e voi capite il perché. Il mio cervello sta pensando anche che , alle volte, ci sono Cose che le Donne non dicono. E anche di questo capite il perché.

Quindi il mio encefalo perso tra i fumi del dormiveglia  compie l’addizione: Rosso + Cose che le Donne non Dicono.Il risultato è che ho un’ allucinazione molto realistica, mi compare davanti al letto Fiorella Mannoia con i capelli che più rossi di così non si può, lei che di solito da’ sull’arancione. E’ seduta sulla scrivania di questa stanzetta di studentessa tedesca, con le gambe a penzoloni. Ha un microfono in mano –chissà perché – dentro al quale urla a squarciagola:  

“Siamo cosiiiiiiiii , dolcemente complicateeeeeee…sempre più emozionate, delicate, ma potrai trovarci ancora quiiii….”

Ommioddio Fiorella, anche tu a strascicare le vocali come quell’ alcolizzato di Liam? Potresti per favore cantare, se proprio devi, a bassa voce? C’è questa qui che dorme. Non vorrei che si svegliasse. No, no sta bene, non ti preoccupare. Ha solo le sue Women’s things fresche fresche, appena giunte. Niente di grave.

“ …portaci delle rose , nuove cose, e ti diremo ancora un altro siiiiiiiiiiii…”.

Le vocali, Fiorella, le vocali. Eddai.

Poi lei si sveglia, invece. Forse perché io continuo a rotolarmi da una parte all’altra. Capisco che di dormire di nuovo non se ne parla. Devo solo trovare il coraggio di abbandonare la stanzetta calda di studentessa crucca e gettarmi intrepido nella più grande nevicata del secolo. Il coraggio lo trovo. Lei mi dice: ma come te ne vai? Dico io: Si. E non so aggiungere un motivo. Forse vorrei dirle: “ è difficile spiegare, certe giornate amare, lascia stare”. Ma non lo dico. Penso a trovare le calze, che come al solito si perdono.

Mi perdo anche io nella neve.

Nelle cuffie, per dare un’idea, ho Marlene Dietrich.  

About these ads

19 thoughts on “quelle cose lì

  1. NN CI CREDO!!che fai..effetto TAMPAX!!:-)ahuahuahauha
    allora se eri su excite ki ricordo..eri forete all’epoca e vedo che non ti smetisci neanche qui..allora IN BOCCA AL DIO DELLE MESTRUAZIONI!!:-)
    ciao e buona settimana
    Il Guru

  2. ecco ora che mi hai fatto scompisciare dalle risate…cacchius, penso a lei che si era fatta i calcoli e magari sapeva che era a rischio “cose sue”…e la sera ha spergiurato il SuperDio “ti prego ti prego…fammi fare solo una scopata ti prego ti prego…una sola, poi possono venire”…

    …povera…mai chiederne una sola…

  3. Non scherzare troppo col Dio delle mestruazioni che tanto benevolo come il suo superiore, non è! Spero non dover mai leggere, non per ora almeno, la sua invocazione…

  4. Chissà come fa.

    Se prenoti una vacanza oggi per il 2017, stai certa che ci sarà anche Lui. E una settimana precisa, eh, che non si sa mai che ti diverti troppo.

    Una certezza.

    Ma poi se lo insulti troppo si offende e allora si fa aspettare, il che è quasi peggio.

    Riassunto della cosa… fastidiosa vicenda, ecco.

  5. non è bello, affatto. Però è vero che si possono invocare, tutta una questione di concentrazione.
    Solo che nel tuo caso è più un tempismo perfetto! ;-)
    (io la Mannoia la detesto)

  6. hanno un nome orrendo, ecco perchè si parla sempre di ‘cose’…e poi in effetti hanno la maledetta capacità di capitare sempre nel momento meno opportuno, è testato. neanche a farlo apposta ci riuscirebbero così bene.
    [paghiamo il nostro peccato col sangue, ma in comode rate mensili]
    bel blog_tina

  7. + Lady-R : certo, bisogna sempre avere rispetto di questo Dio. Anche a me e’ capitato di invocarlo.

    + Enery : la Mannoia non la detesto. Mi e’ indifferente. La noti perche’ e’ rossa. O arancione.

    + Waki: gia’, ma se poi il posticipo va come deve andare, poi si festeggia.

    + Lizzies: effettivamente il nome non aiuta. Quella “sdru” nel mezzo. E poi, in una parola ci sono tutte le vocali. Mi inceppo, a pronunciarla.

  8. uau…e domani è pure la festa delle donne…dunque cerca di recuperare qualche mimosa che un pò è come se fosse la festa di questo Dio, no?

    la mia stanza è verde come questo sfondo, non c’entra nulla ma dovevo dirtelo! ^_^

    un bacio

  9. Sei un mito rafè! Ma com’è possibile che tu e il marchese (quello che viene una volta al mese), andiate sempre in coppia!
    Che divinità sanguinaria questo dio delle mestruazioni!
    Ricky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 59 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: