glottologia

Il mio coinquilino vuole imparare l’italiano.

Lui, germanico crucconico del nord Crucconia, vuole imparare l’italiano.

Volevo sapere il perchè . E allora continuavo a chiedergli: ma perché? A cosa ti serve? Cosa te ne fai? E lui all’inizio mi rispondeva sempre: mah, così, perché è una bella lingua. Perché suona bene. Perché sento che mi piace, l’italiano. Poi scopri scopri e insisti insisti, esce fuori una sua vecchia fiamma italiana, una tipa che un giorno se ne è andata portandosi via un pezzetto del suo cuore. Allora in quel momento l’ho compreso. Da quel momento sono diventato il suo insegnante di italiano.

Non so se mi spiego.

E dunque ci sono io che entro in cucina, mi sono appena svegliato, le mie palpebre sono così serrate che potrei benissimo essere un coreano. Peggio, un coreano che si è appena svegliato. Apro la porta , riesco a produrre uno di quei sbadigli da visita odontoiatrica a distanza. Saluto il mio coinquilino , dico GutenMorgen, poi mi aggrappo speranzoso alla macchinetta del caffè. Lui intanto sfoglia il suo libro di grammatica italiana. Questo librone arancione che sulla copertina ha disegnata una tazzina di caffè. Il titolo è “ Espresso”. Quando l’ho visto la prima volta, mi sono spanzato dalle risate. Lui mi ha guardato curioso. Espresso? Ah ah ah. Ho detto, ma ti rendi conto? Cosa diresti tu se un libro di grammatica tedesca lo chiamassero Wurstel? Eh?

—   

Da quando sfoglia questo libro, in casa mia di tanto in tanto si sentono delle frasi assolutamente fuori contesto. Senza senso. E’ lui che legge ad alta voce il suo libro.

- Coinquilino, hai visto per caso lo zucchero?-

- Marisa, ti andrebbe di trascorrere questa bella serata al cinema?-

- Lo zucchero, ho detto. –

- Ehi, Marisa, hai visto quant’è carino il nuovo fidanzato di Giulia? –

- No, non l’ho visto. Lo zucchero?-

- Checcosa significa “ quant’ è carino” ? –

- It means that she likes him. –

- Ah. Ho capito. Lo zucchero è sopra del tavolo.-

- Grazie.-

- Marisa! Giovanni è certamente carino, ma io ho sempre ammirato Luca per la sua simpatia.-

Quello è senza dubbio un libro di grammatica per checche, e non ho il coraggio di dirglielo. Questa Marisa poi,  è sempre in mezzo. Marisa va al teatro, Marisa esce con le amiche, Marisa va a fare shopping. Potrei aprire un blog per raccontare le avventure di Marisa del libro di grammatica italiana. Nel mio primo libro di inglese c’era invece Mary Brown. Mary Brown aveva la fissa di chiedere dove si trovavano i vari oggetti. Partiva da “where is the pen? The pen is on the table” per poi finire su cose più complicate. La maggior parte degli oggetti della casa di Mary Brown si trovavano comunque on the table oppure under the table. Poche variazioni. Mary Brown viveva in una piccola cella di isolamento, evidentemente.

- Cosa cucini?- mi chiede allora il mio Coinquilino.

- Pasta con i funghi. –  rispondo.

- Quant’è carino! – mi dice.

- Già. –

About these ads

7 thoughts on “glottologia

  1. Dopo aver imparato a dire nome e età, comune a tutte le lingue, in inglese viene la descrizione della famiglia e la collocazione degli oggetti. In tedesco gli hobby e le varie nazionalità. In spagnolo la casa e il cibo. In italiano… “ciao bella! vieni al cinema con me stasera? beviamo un espresso. mamma mia!”

  2. nei libri di lingua ci son sempre questi personaggi improbabili, nel mio di deutsch c’erano i Geschwister Markus und Heike e poi c’era Paola Cremonini, un’italiana che faceva la ragazza alla pari a Tubingen e veniva da Brisighella (mi son sempre chiesta se Brisighella esistesse veramente).

  3. Io ho un ricordo di un libro di esercizi di tedesco dal nome ” PRIMA!”… e anche di un simpatico ritornello per imparare a dire la “H”

    Herr Hubert Hat Hunderte Hunde.

    Ma che neuroni ben usati, ja.

  4. ma sei simapaticissmo!hai vsito che ho continuato a leggere?eh?eh?comunque io appena arrivata in francia ho detto “buonanotte, vado a scopare!”,ignorando che il verbo dormire è riflessivo, cioè dormirsi, che non riflessivo è proprio fare all’amore…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 58 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: